Iene, Viviani torna a parlare di tumori e alimentazione vegana con nuove prove (VIDEO)

Ieri sera è andata in onda una nuova puntata de Le Iene e Matteo Viviani è tornato ad occuparsi del tema che, tra quelli dei servizi più recenti, ha suscitato maggiore interesse da parte del pubblico: il rapporto tra alimentazione e tumori. La Iena aveva raccolto diverse testimonianze di persone che raccontavano di aver combattuto il cancro con l’alimentazione vegana. A tal proposito aveva anche ascoltato il parere favorevole del famoso oncologo di fama mondiale Umberto Veronesi. Ma oggi Viviani raccoglie un punto di vista diverso: è quello del professor Giorgio Calabrese, volto noto alla tv, che sostiene di mangiare proteine animali tutti i giorni, alternando ovviamente pesce, carne bianca e rossa, uova e formaggi. Chi ha ragione?

Matteo Viviani riporta i risultati di oltre 50 anni di ricerche (the China study) presentati due anni fa il professor T. Colin Campbell in una conferenza in Italia. Nella prima fase degli esperimenti alcuni topi, esposti alla proteina che attiva il cancro (che attenzione è la caseina, quella del latte!), sono stati nutriti con dosaggi diversi di proteine animali. Quelli con la dose inferiore (5%) riuscivano a guarire. Ci sono studi che confermano il rapporto tra consumo di latte e incidenza di tumore al seno e uterino (ma anche allergie infantili, problemi cardiaci, diabete di tipo 1 e altre malattie).

Si chiama China Study perché la banca dati sul rapporto tra tumori e alimentazione è stata raccolta in Cina. La regola è che la dieta vegana deve essere integrale. Viviani ha mostrato alcuni stralci della conferenza al professor Giorgio Calabrese. Del resto che frutta e verdura aiutano a prevenire problemi di salute è noto da generazioni e lo ripetono le nonne ma che curino i tumori è qualcosa di più. Ma Calabrese continua a sostenere che molti studiosi la pensano come lui e che questi sono studi parziali nel tipo di indagine.

Qui trovate il video completo del servizio di Viviani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.