Il riso assorbe l’umidità, togliamo così l’odore di muffa dagli armadi

L’odore sgradevole di chiuso e di muffa che spesso esce dai nostri armadi non sempre riusciamo ad eliminarlo. Questo succede non solo negli armadi vecchi ma anche in quelli nuovi. Ci sono diversi rimedi naturali per evitare di spruzzare deodoranti che fanno male, oltre a verificare bene prima le cause di questo cattivo odore. Un rimedio naturale semplice e soprattutto economico, per tenere lontano il cattivo odore dal vostro armadio, consiste nel mettere al suo interno un sacchetto di riso. Proprio il riso infatti era usato dalle nostre nonne a questo scopo, sembrerà strano ma è un ottimo rimedio naturale contro il cattivo odore negli armadi.

Il trucco di questo cereale sta nel fatto che può con le sue proprietà assorbire tutta l’umidità in eccesso che c’è nei nostri armadi. Avrete certamente già sentito dire che quando il cellulare cade in acqua, possiamo cercare di recuperarlo, facendo asciugare l’interno e lasciandolo alcuni giorni in un contenitore pieno di riso.

Come va evitata la muffa sui muri di casa ecco i rimedi – leggi qui

Funziona davvero? Si certamente potete provarlo e non ne potrete fare più a meno. Ecco come potete fare: procuratevi o cucite dei sacchettini di tela che possano chiudersi con un cordino o un nastro. Mettete in ogni sacchettino circa 40 grammi di riso. Sistemateli tra la biancheria o appendeteli alle grucce. Se preferite potete collocare, sul fondo dell’armadio, un contenitore pieno di riso che andrà ad assorbire l’umidità. Il sacchettino va cambiato e sostituito ogni 10 giorni. Sicuro resterete soddisfatte del risultato. Vi consigliamo poi alcuni piccoli accorgimenti per evitare che ci sia un eccesso di umidità nei vostri armadi: fate asciugare bene i vestiti, gli asciugamani e la biancheria prima di riporli nell’armadio. Evitate di riporre scarpe o altri oggetti sporchi, perché contribuiscono alla proliferazione di funghi e muffa. Ricordatevi di aprire gli armadi tutti i giorni per fare entrare un po’ di aria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.