Libri da leggere, Il signore delle mosche – William Golding

 Libri da leggere – recensioni

Il signore delle mosche

 Golding in quest’opera ci dona un affascinante ritratto della nostra società, e lo fa in un modo piuttosto particolare: attraverso i bambini. Già, perché in fondo sono loro lo specchio di noi adulti e del mondo che abbiamo costruito. E se i ragazzini ci imitano allora noi possiamo a nostra volta vedere attraverso di loro cosa è in fondo la società che abbiamo messo in piedi.

La trama del libro

In un periodo non identificato si sta combattendo una guerra e un aereo precipita su un’isola deserta. Solo dei bambini si salvano, di età massima di dodici anni. E in questa situazione dovranno cercare di sopravvivere.

Inizialmente cercano di stabilire delle leggi democratiche e di mantenere un atteggiamento responsabile; ma non passerà molto tempo prima che questa parvenza di civiltà svanisca, inghiottita dai più primordiali atteggiamenti umani: la paura e l’aggressività.

I bambini non collaborano più e presto si formeranno due fazioni ben distinte sull’isola: una più razionale che cerca di mantenere un improbabile ordine e un’altra più violenta e quasi tribale.

A questo punto la situazione precipita: i più aggressivi diventano quasi disumani e addirittura morirà qualche ragazzo.

Neanche a dirlo, il secondo gruppo prenderà presto il sopravvento e rimarrà solo il leader dei primi a non unirsi a loro.

E mentre quest’ultimo cerca di scappare e di nascondersi dopo la caccia all’uomo che si è scatenata arriva qualcun altro sull’isola…

Il signore delle mosche è una straordinaria opera utopistica che mette in luce tutti i limiti della società presunta civile che abbiamo realizzato.

Perché il vero limite siamo noi: nessuna regola e nessuna legge può frenare gli istinti primordiali che ci portiamo dentro.

Purtroppo.

Andrea Speziale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.