Lo zenzero rimedio naturale anticaduta capelli in primavera, come usarlo

In questo periodo primaverile i capelli per molte persone cominciano a fare i capricci. La caduta dei capelli soprattutto in primavera è una cosa oramai risaputa. Possiamo però aiutarci con dei rimedi del tutto naturali, adoperando ingredienti come lo zenzero, il rosmarino e l’olio di oliva. Come in autunno anche in primavera abbiamo questo fenomeno, in questo periodo infatti i recettori del capello sono più sensibili allo stimolo degli ormoni che provocano una caduta temporanea del capello. Questo accade sia per gli uomini che per le donne. Ci sono alcuni rimedi naturali che possiamo utilizzare, invece di acquistare shampoo anti-caduta magari anche molto costosi.

Uno di questi è lo zenzero, conosciuto per le tantissime proprietà, tra cui anche l’aiutino per i capelli. Ecco come potete applicarlo sui capelli per prevenire la caduta e rafforzarli. Grattugiate la radice di zenzero fino ad ottenere un cucchiaino che andrete ad aggiungere ad un cucchiaio pieno di olio di oliva.

COME SCEGLIERE LA SPAZZOLA GIUSTA PER I NOSTRI CAPELLI – CLICCA QUI

Miscelate gli ingredienti e applicate sui capelli umidi, poi massaggiate per una decina di minuti e lasciate in posa per altri cinque per poi risciacquare con abbondante acqua tiepida. Ancora un rimedio naturale anticaduta, è il rosmarino, in particolare l’olio essenziale di rosmarino. Questo dovete aggiungerlo, al vostro shampoo, ma solo qualche goccia, abbinato sempre però ad un altro olio essenziale, ad esempio cocco o mandorla. Massaggiare una volta applicato il composto, tenere in posa per circa 5 minuti e risciacquare abbondantemente.

IL BALSAMO ALL’ACETO DI MELE CHE RENDE I CAPELLI PIU’ FORTI-CLICCA QUI

Come per il rosmarino anche l’olio di oliva è un ottimo alleato contro la caduta dei capelli. In questi periodi dell’anno si possono perdere tantissimi capelli al giorno, ma vengono poi ripristinati nei mesi successivi. Se però vedete che si creano dei vuoi di capelli sul vostro cuoio capelluto, allora non è più una cosa che a che fare con la primavera ma si tratta di patologia, che va verificata con il vostro medico curante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.