Daniel Radcliffe confessa: beveva troppo nelle riprese Harry Potter

Il giovane e noto attore protagonista di Harry Potter, Daniel Radcliffe, confessa un segreto durante un’intervista. Radcliffe beveva troppo durante le riprese della saga Harry Potter ma non aveva il vizio dell’alcol. Il giovane attore, sin dall’inizio, aveva dichiarato la sua passione per il superalcolici. In un secondo momento aveva comunicato di aver chiuso definitivamente con le sbornie. Daniel, nell’intervista al mensile Ok Salute, racconta un po’ di sè, accennando ai problemi che lo avrebbero spinto a bere. L’attore ha assicurato, tra l’altro, di non aver mai fatto uso di stupefacenti. Radcliffe ha iniziato a bere dalla quarta saga di Harry Potter: “Non ero alcolizzato, mai stato e non lo sarò mai“, specifica Daniel. Secondo il giovane attore il suo improvviso successo e la paura di perdere tutte le sue capacità da un momento all’altro l’avrebbero spinto ad avvicinarsi all’alcol. Daniel aveva 16 anni, quindi, quando ha iniziato a bere. L’attore stesso racconta che, a volte, rivede alcune scende del film girate in stato di ebrezza, e dove lui stesso si riconosce nella sua incompleta lucidità, a causa dei postumi delle sbornie. “Ricordo ricordo bene i miei 16 anni, mentre giravo Harry Potter e il calice di fuoco. A quell’età che ho cominciato a bere, troppo, fino al punto di arrivare sul set il giorno dopo ancora con i postumi della sbronza, con quel malessere tipico di chi ha alzato il gomito”. Lo sguardo di chi è un po’ perso, nella saga Harry Potter, però, era perfetto per il ruolo interpretato al momento. Radcliffe racconta, inoltre, che nessuno si è mai lamentato. In inglese si chiama “Spaced out”, sguardo assente. Adesso, però, quello fa solo parte del passato. Daniel ha deciso di chiudere del tutto con l’alcol, concedendosi un bicchiere di vino ogni tanto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.