4 metà è su Netflix: perchè vedere il film romantico sulle anime gemelle

recensione 4 metà netflix

Esiste davvero l’altra metà della mela? E come sarà l’altra metà ? Se siamo una metà di una mela rossa ci aspettiamo che la persona che ci completi sia come noi, rossa fiammante e non gialla canarino. Ma se è vero che gli opposti si attraggono, questa teoria non funziona. E’ un film sull’altra metà della mela, sulla ricerca dell’anima gemella, 4 metà, il nuovo film su Netflix con un cast di primissimo livello. Quattro tra i migliori attori italiani su piazza Matilde Gioli, Ilenia Pastorelli, Matteo Martari e Giuseppe Maggio), sono i protagonisti di questo film d’amore che ci invita, prima di tutto, a una riflessione, poi anche a un piccolo sforzo d’attenzione, visto che la storia è una sorta di sliding doors che però non ci porta a capire “come sarebbe andata se”, ma ci invita a una analisi ben diversa. Dobbiamo andare alla ricerca dell’anima gemella, della nostra anima gemella, di una anima gemella o la persona che scegliamo di avere al nostro fianco, può essere l’anima gemella che il destino ci mette sul nostro percorso di vita?

Una riflessione molto interessante proprio su questa tematica, è stata fatta qualche tempo fa dallo scrittore svizzero De Botton che in un articolo sul New York Times ha scritto: ” la persona più adatta a noi non è quella che condivide ogni nostro gusto (anche perché non esiste), ma è quella che sa gestire in modo intelligente le differenze di gusto: una persona che se la cava con il disaccordo. È la propensione a tollerare le differenze con generosità, non un’idea astratta di perfetta sintonia, a indicare che una persona è “non del tutto sbagliata”. Essere compatibili è una conseguenza dell’amore, non la sua precondizione” . Ed è un po’ il paradigma sul quale si basa tutto il film. 4 metà ci mostra come due coppie diverse possono trovare il loro equilibrio vincente a dispetto del punto di partenza: credere di non essere fatti l’uno per l’altro. Perchè ce lo dice il nostro modo di essere, la nostra storia sentimentale passata, la nostra istruzione, i nostri interessi. E invece ecco che due persone che sembravo destinate a non avere nulla in comune, a poter essere solo amici, diventano complici, amanti, marito e moglie. 4 metà più che un racconto romantico sulla vita sentimentale è proprio l’invito a porci delle domande, anche se poi è chiaro, quando si parla d’amore, le risposte non si trovano mai.

Il vero problema di questa pellicola resta solo uno: che non offre nulla di nuovo rispetto ad altre storie, molto simili, che sono state già raccontate e che ci hanno portato a esplorare qualcosa di simile. Universi romantici ma anche pieni di clichè. E da un film di Netflix, ci aspettiamo qualcosa in più. Il film si guarda comunque con piacere, e la bravura dei protagonisti sopperisce anche a una trama che per certi versi, è anche un po’ disordinata nel suo racconto tra piani paralleli.

Il difetto principale del film, se così possiamo definirlo, sta nel non riuscire a volte a raccapezzarsi nel comprendere in che universo ci troviamo. I protagonisti non hanno nessun tratto che li differenzi nelle due storie parallele: si vestono nello stesso identico modo, hanno lo stesso taglio di capelli, lo stesso colore. Pensiamo appunto a Sliding Doors, dove l’occhio dello spettatore viene messo in allarme dal taglio diverso dei capelli della protagonista, lunghi in un universo, cortissimi nell’altro. In Quattro metà, se ti distrai per un secondo e perdi il filo della narrazione, non capisci più nulla, anche per questo piccolo espediente. Una scelta sicuramente voluta, per chiedere allo spettatore un sforzo di attenzione in più.

4 metà: la trama del film Netflix

I protagonisti del film sono Chiara, Matteo, Giulia e Dario. Vengono invitati a una cena da due amici che, dopo il loro matrimonio, hanno pensato bene di far accoppiare anche gli altri della compagnia. Hanno già pensato anche a come l’avvocato arrivista, stesse bene con la ricercatrice intelligentissima e pronta alla scalata in ambito lavorativo, mentre il romantico esperto di libri, fosse perfetto per la dolce infermiera…E così hanno organizzato una cena alla fine della quale, i 4 amici, faranno la loro scelta. Una scelta che però, come si vedrà nel corso della narrazione, sarà anche influenzata dagli eventi temporali. E così vediamo che cosa succederebbe se Matteo si decidesse a chiamare subito l’infermiera e cosa invece succederebbe se un incontro improvviso, cambiasse tutto. Una serie di eventi che non dipendono solo dalle nostre scelte ma anche da altri fattori, portano a cambiamento e eventi che sfuggono dalla nostra volontà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.