Un piccolo favore è su Netflix: un film consigliatissimo

un piccolo favore

Se state cercando un film da vedere a casa, sul vostro divano e restare sicuramente molto soddisfatti, bhè Un piccolo favore, fa al caso vostro. Il film, del 2018, è arrivato su Netflix da pochi giorni ma è già molto visto in piattaforma. Nel catalogo dei film da vedere nel 2022 non può quindi mancare, Un piccolo favore, che ci sentiamo davvero, di consigliarvi. Il primo motivo è il colpo di scena che arriverà sul finale, e non tanto per la trama. Chi infatti si è approcciato al film, senza leggere prima nulla in giro e sul web, scoprirà qualcosa che lo lascerà quasi certamente basito dopo aver letto i titoli di coda. Volete sapere di che cosa su tratta? Allora continuate a leggere.

Avviso ai naviganti, continuando la lettura, potrete leggere degli spoiler!

Anna Kendrick e Blake Lively sono le due protagoniste femminili del film Un piccolo favore: due bombe. Il film, lo ricordiamo, è l’adattamento dell‘omonimo romanzo di Darcey Bell, al suo volume d’esordio.

Un piccolo favore è su Netflix: la trama del film

Apparentemente una storia bislacca e inverosimile, Un piccolo favore vi porterà in una piccola cittadina lontano dai rumori delle città, dove una mamma sprint, rimasta vedova da poco, si dà da fare in tutto e per tutto per casa e figlio. E’ una di quelle mamme che a scuola, tutti invidiano perchè riesce a fare un milione di cose: volontariato, pulizie, casa, scuola, cucina…Una di quelle mamme a cui la maestra deve chiedere di fare meno…La vita di questa mamma super, Stephanie, cambia improvvisamente quando inizia a fare amicizia con Emily, la mamma del migliore amico di suo figlio. Emily è il suo apposto: tutta carriera, non ha mai tempo per suo figlio e per le cose che lo riguardano tanto da iniziare, subito dopo averla conosciuta, a chiedere a Stephanie, sempre più spesso, di occuparsi di suo figlio. Quello che la donna non si aspetta e che un giorno per caso, Emily, scomparirà nel nulla. Stephanie, preoccupata per la sua amica, deciderà di usare il blog con cui interagisce con altre mamme, per ricette e consigli per la casa, per raccontare anche questa storia, con la speranza che qualcuno possa inviare delle segnalazioni sulla scomparsa di Emily…E improvvisamente, si ritroverà ad avere una vera e propria bomba tra le mani, passando da qualche centinaio di follower a migliaia. Tra un flashback e l’altro, si scoprirà che Stephanie ha fatto delle rivelazioni alla sua amica, mentre Emily, di cui nessuno ha una fotografia, non ama parlare del suo passato e sembra essere una sorta di bugiarda patologica. Emily non sembra averlo un passato ma in realtà quando Stephanie si ritroverà a indagare sulla sua scomparsa, capirà che c’è molto da scoprire. Improvvisamente il film prenderà una piega diversa quando il cadavere di Emily sarà ritrovato in un lago. E’ davvero morta? Una domanda che tutti si faranno, soprattutto quando il figlio di Emily inizierà adire che sua madre è ancora viva. Nel frattempo però Stephanie, sempre più coinvolta nella storia con il marito di Emily, si lascerà andare e inizierà una relazione con lui. Poco tempo dopo, deciderà persino di andare a vivere in quella casa che è stata della sua migliore amica. La domanda resta: Emily è davvero morta?

Stephanie indaga sulla morte di Emily e scopre tutta la verità

Emily non si aspettava di aver trovato una piccola signora Fletcher di provincia nella sua nuova amica. E infatti dovrà fare i conti con l’astuzia della donna che arriverà a trovare importanti dettagli del passato di Emily. Scoprirà che quello non è il suo vero nome e quando gli esami dell’autopsia stabiliranno che la persona morta, faceva uso di eroina, ascoltando chi Emily la conosceva bene, capirà che quella, non è la sua amica. Emily non è morta e allora che fine ha fatto? Sembra essere chiaro: Emily sta inscenando la sua morte per un premio di 4 milioni di dollari, una polizza sulla vita che aveva stipulato poco prima di morire. E allora, se Emily è ancora viva, chi è la persona trovata morta nel lago, e qual è il ruolo del marito di Emily in tutta questa vicenda?

Tra un colpo di scena, una risata e un momento anche in cui ci porremo domande diverse, il film Un piccolo favore ci porterà anche a indagare con Stephanie e con tutte le mamme che sul suo blog, le danno suggerimenti e consigli. Già perchè Stephanie passerà dall’avere 500 follower al milione. E saranno proprio le mamme del blog le vere testimoni del colpo di scena finale. Quando Emily tornerà a casa, dicendo che è suo marito ad aver cercato di farla fuori e che insieme avevano un piano per truffare l’assicurazione, Stephanie, che ha scoperto tutto del passato della donna, userà il blog come arma vincente. Emily, che in realtà si chiama Faith, aveva una sorella gemella, che ha ucciso e che ha gettato nel lago, fingendo che il cadavere fosse il suo. Hope era un ostacolo per sua sorella: avrebbe potuto rivelare oscuri segreti del passato, scomodi per tutti. E così Emily ha inscenato tutta questa storia. Non ha però confessato, anzi. Ha trovato i microfoni in casa e ha capito che suo marito e Stephanie si erano messi d’accordo. Ma la mamma sprint aveva un’altra sorpresa: era collegata in streaming con il suo blog e in diretta, tutti hanno sentito la confessione di Emily!

Il colpo di scena finale: è una storia vera?

 Un piccolo favore termina con le didascalie tipiche dei film basati su una storia vera, per raccontare che fine hanno fatto i personaggi. Ci rivela che Emily è finita in carcere ma che non si sta trovando poi così tanto male: e ancora, che Stephanie è diventata popolarissima con il suo blog in tutta America e che il marito di Emily è tronato a scrivere, diventando ancora famoso con i suoi romanzi. E poi che Stephani ha aperto una agenzia per risolvere i cold case…Ma non è che un altro elemento goliardico per ribadire quanto il film non voglia prendersi troppo sul serio. Eppure, in molti, ci hanno creduto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.