Devil In Ohio il significato del finale criptico che non salva la serie anzi l’affossa

Devil in Ohio è tra le serie più viste su Netflix ma il finale lascia un po' l'amaro in bocca: qual è il significato?
finale devil in ohio netflix

E’ proprio vero che spesso le serie più viste su Netflix, quelle che ci vengono indicate nel catalogo nelle prime dieci posizioni, non sono poi sempre le migliori. E’ il caso di Devil in Ohio, l’ennesima serie americana che racconta la storia di una ragazzina scappata da una setta che avrebbe voluto sacrificare la sua vita ma che alla fine, viene scoperta e costretta a cambiare tutti i propri piani. Una storia di abusi, di violenze, di manipolazioni psicologiche tra simboli satanici, fiori e corvi. Nulla che non si sia già visto. Devil in Ohio è solo l’ennesima serie che racconta qualcosa che conosciamo ma soprattutto che lo fa in modo così strano che per tutta la durata della serie ti chiedi: ma dove andremo a parare? Perchè episodio episodio, le cose peggiorano, non essendoci un senso logico a una trama priva di suspence, colpi di scena e parecchio banale. A rovinare le cose anche il finale di Devil in Ohio. L’ultimo episodio della serie si chiude in modo parecchio discutibile forse perchè, come succede spesso, si pensa a una seconda stagione che potrebbe dare un senso alla storia…

Ma qual è il significato del finale di Devil in Ohio? Ovviamente trattasi di nostre deduzioni, che non sono la bibbia! E neppure il vangelo del culto di Mae, per intenderci…Se continuate nella lettura del nostro articolo, potrete leggere spoiler sulla serie e sul finale.

Devil in Ohio serie su Netflix: qual è il significato del finale?

Chi ha visto tutti gli episodio della serie Devil in Ohio sa che la protagonista è Mae (Madeleine Arthur). La ragazza dai biondi capelli scappa da una setta satanica. Stava per essere sacrificata e il simbolo che ha sulla schiena ne è una dimostrazione. E’ una sorta di moglie del capo, che deve immolarsi pur di permettere agli altri componenti della setta di continuare a vivere con il raccolto del grano, con il frutto del loro lavoro. Mae però scappa e viene curata in ospedale dove incontra la dottoressa Suzanne Mathis (Emily Deschanel). Le due sono legate da una sorta di destino comune perchè il passato di Suzanne è simile a quello di Mae. Anche lei è una sopravvissuta, anche lei è scappata dagli abusi ma non è mai guarita del tutto e nonostante sia una psichiatra che sembra aver realizzato il sogno americano, i traumi sono sempre lì e non ha capito che ha bisogno di aiuto. Tutte cose che si acutizzeranno con la presenza di Mae nella vita di questa famiglia. La setta continuerà infatti a cercare Mae e tutti i componenti della famiglia saranno in pericolo. Suzanne, troppo presa tra passato e presente, trascurerà le sue tre figlie e suo marito, travolta dal suo spirito di crocerossina ma allo stesso tempo, manipolata da Mae che sa come toccare le corde giuste. E alla fine, quando Mae non sarà più in pericolo e la dottoressa l’avrà salvata dal sacrificio del fuoco, Suzanne perderà tutto. Le tre figlie e suo marito infatti, stanche del suo atteggiamento e del fatto che non comprenda di aver bisogno di aiuti per superare i traumi di un passato di abbandoni e abusi, si rifugeranno con il loro papà, in attesa che ci sia una svolta. Suzanne deciderà di restare con Mae ma improvvisamente scoprirà di esser stata manipolata dalla ragazza.

Il detective che fin dall’inizio segue il caso, analizzando le immagini della telecamera nei pressi della scuola, la sera del ballo, scoprirà che le rose bianche sono state portate da Mae che ha anche rubato il suv di Ted e si è recata nella sua famiglia, per il sacrificio con la speranza di essere forse salvata. Salvata da Suzanne che lo ha fatto…La dottoressa quindi scoprirà tutto, mentre è a tavola con Mae nel giorno del ringraziamento. “Mangiamo prima che il cibo si raffreddi, ce lo meritiamo” è quello che dirà Mae alla sua mamma affidataria.

La reazione di Suzanne lascia intendere che sia terrorizzata da quello che le sta per accadere e nel frattempo il pubblico osserva che dietro la casa, è stato creato un altarino da Mae, con la sua foto e quella della dottoressa, come se il suo obiettivo fin dall’inizio, fosse quello di restare da sola con lei. Non solo. I più attenti avranno notato anche un’ombra nel finale che a quanto pare, non si sa di chi sia. Le attrici protagoniste si sono dette felici di questo finale, diverso da quello che il pubblico poteva aspettarsi, ma è davvero un bel finale?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.