Sanremo 2011, Anna Tatangelo felice ma accusata

La prima serata del festival di Sanremo 2011 Anna Tatangelo è arrivata sul palco trasformata, diversa da come siamo abituati a vederla. Abito da uomo, giacca con spalle larghe, trucco pesante e capelli che nascondevano la sua femminilità, un omaggio ad Anna Oxa, alla sua prima apparizione sul palco dell’Ariston, ma anche lo stile giusto, aggressivo, per interpretare al meglio la sua canzone: Bastardo.

Un’interpretazione eccellente, un brano ad effetto, ma la Tatangelo non è ugualmente piaciuta molto alla giuria demoscopica che quella stessa ha deciso la sua eliminazione. Eliminazione non definitiva, ma che comunque ha causato la reazione di alcuni personaggi famosi stupiti dal no dei giudicanti.

Così Renato Zero, Fabio Canino, Lorella Cuccarini ed altri hanno inviato dopo poche ore il loro sostegno ad Anna, manifestando lo stupore per una esclusione ingiusta.

Ieri sera la giovane cantante di Sora ha riproposto la sua canzone, scontrandosi con Albano, Patty Pravo e Anna Oxa. Come è noto nel ripescaggio sono rientrati lei e Albano, dunque questa sera li riascolteremo entrambi.

La notizia dei nomi del ripescaggio è arrivata a fine serata e di sicuro l’attesa per i quattro artisti non deve essere stata facile da sostenere. L’unica  a mostrare le sue emozioni e stata Anna che ha scherzato asciugando il sudore dalla fronte in segno di vittoria. Chiaramente felice adesso deve fare i conti con le solite voci che ad ogni festival di Sanremo sembrano non mancare mai.

Bastardo, la canzone della Tatangelo, non è de tutto originale? C’è chi è pronto a scommettere che sia proprio così. Sul sito del Il Sole 24 Ore, Francesco Prisco evidenzia la somiglianza dell’introduzione della canzone in questione con Una canzone per te di Vasco Rossi, mentre titolo e tema sarebbero molto simili a Uomo bastardo di Marcella Bella.

Qual è la vostra opinione?

S.L.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.