Concerto primo maggio, sale sul palco Gino Paoli

Cresce l’attesa per il Concerto del Primo maggio a Roma, appuntamento che ormai da 22 anni si ripresenta puntualmente e che riunisce tutte le sigle sindacali. Quest’anno gli addetti ai lavori stanno mettendo insieme la scaletta della manifestazione dei lavoratori che avrà come titolo “La Storia siamo noi” dedicata ai 150 anni dell’Unità d’Italia.

Per questo motivo ci saranno canti e arie che ricorderanno le gesta dei giovani che hanno combattuto per la patria, dando la propria vita, il loro impegno.

Una delle canzoni che sicuramente non mancherà, sarà “Va pensiero” la celebre aria del Nabucco di Verdi che tanto animò i giovani patrioti. Ad interpretarla sul palco del Primo maggio, molto probabilmente, sarà il celebre cantautore  Gino Paoli, che parteciperà per la prima volta alla manifestazione.

A suonare la celebre aria, ci sarà l’orchestra Roma Sinfonietta che comprende 72 elementi e 60 coristi. La stessa orchestra sarà diretta da Ennio Morricone, il maestro italiano, premio Oscar, che dirigerà “Elegia per l’Italia”. Saranno anche suonati altri canti che inneggiano all’Italia: “L’inno di Mameli”, “Bella ciao”, “Volare”.

Intanto cominciano a venir fuori i primi nomi degli artisti che hanno confermato la propria presenza quali: Caparezza, Litfiba, Marlene Kuntz, Almamegreta & Raiz, Modena City Ramblers, ma sicuramente altri nomi salteranno fuori nei prossimi giorni.

Per adesso resta ancora da confermare la sede. Il concerto del Primo maggio, si è sempre tenuto in piazza San Giovanni. Quest’anno, però, ci sono dei dubbi. Il concerto coincide con la beatificazione di Papa Giovanni Paolo II che tra il 30 aprile e il 2 maggio, porterà a Roma un grandissimo numero di fedeli. Per questo si pensava di spostare la storica sede, portando il concerto fuori dalla città romana. Anche per queste notizie, si dovranno aspettare i prossimi giorni.

Teresa Corrado

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.