Ed Sheeran plagio per il brano Thinking Out Loud, sarebbe simile a quello di Marvin Gaye

La storia si ripete: plagio del brano di Marvin Gaye. Questa volta ad essere accusato di plagio da parte degli eredi di Ed Townsend, coautore con Marvin Gaye (uno dei massimi esponenti del Ritm&Blues anni ‘70/80) è stato Ed Sheeran, con il brano Thinking Out Loud. Ora ci chiediamo è mai possibile che questi nuovi autori, non sappiano fare a meno di scopiazzare qua e là a cavallo degli anni credendo di poter prendere in giro almeno gran parte dei loro fan? Nonostante il brano di Ed Sheeran, autore comunque di notevole bravura e successo, non vogliamo ridurne le capacità tecnico compositive, effettivamente ad un ascolto più attento sorgono dei dubbi su alcune note.

Sembra infatti che siano molto simili (per non dire uguali) a quelle usate dal nostro Marvin nel brano Let’s Get It On. Ecco cosa dice l’accusa contro Ed Sheeran: “Sheeran ha costruito la sua canzone con le progressioni armoniche e melodiche, oltre che con gli elementi ritmici, di Let’s Get It On”.

IL NUOVO ALBUM DI BARBARA STREISAND IN USCITA A FINE AGOSTO – LEGGI

I danni ancora non stati definiti, perché andranno a concordarli nella causa in tribunale. Ricordiamoci che gli eredi Ed Townsend, coautore con Marvin Gaye, l’hanno già spuntata una volta con Pharrel Williams e Robin Thicke che hanno pagato la somma di 7,3 milioni di dollari, per il plagio del brano Blurred Lines di Marvin Gaye. Quindi crediamo che anche questa volta sia possibile che gli stessi eredi vincano la causa portandosi a casa altri milioni di dollari. Con buona pace del nostro amatissimo Marvin Gayne che sicuramente dall’aldilà si starà divertendo moltissimo. Resta comunque un minimo di amarezza in tutti noi, quando accadono cose di questo genere, certo sembra sempre che la musica possa essere nelle sue infinite forme, equivocabilmente unica, ma evidentemente ripetere delle note nel contesto di un brano più o meno classicheggiante o di altro genere, può capitare anche ai migliori!

Di A. Cappabianca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.