J-Ax scrive il commovente addio al suo gatto, lui c’era quando stava male e gli ha salvato la vita

Poche ore fa il lungo post di J-Ax sulla sua pagina Facebook dell’addio al suo gatto Little; l’ultimo saluto a lui che gli ha fatto compagnia e gli ha dato tanto in 15 anni. Forse non tutti capiranno le parole di J-Ax, il dolore scritto tra le sue frasi. Il rapper ha perso il suo amico a quattro zampe, il suo gatto è morto a causa del diabete ma lui ha fatto di tutto per non lasciarlo andare, l’ha curato subendo anche le critiche di chi gli diceva che esagerava perché non era una persona ma solo un gatto. L’ex Articolo 31 nel suo post ha toccato alcuni episodi della loro convivenza, momenti difficili in cui è stato Little ad aiutarlo. J-Ax parla dei suoi momenti duri in cui tutti lo avevano abbandonato, quelli in cui era troppo vecchio, era finito, nessuno lo chiamava, nemmeno un amico. C’era l’alcool per anestetizzare il dolore, il cantautore non ne fa mistero, così come confessa che è stato il suo gatto ad aiutarlo a smettere.

Non esagera quando scrive che senza Little oggi non sarebbe qui. “Ciao Little, forse non te l’ho mai detto, ma mi hai salvato la vita. Forse a qualcuno può sembrare parlare così di un gatto, non sei neanche di una di quelle razze che le signore ricche tormentano con dei pettini finché non vincono qualche trofeo d’oro” inizia così il post del rapper e prosegue tra un sorriso e un’emozione forte: “Eri con me anche quando tutti mi hanno abbandonato. Quando ero “troppo vecchio”. Quando ero finito. Quando gli amici hanno smesso di chiamare. C’eri anche quando pensavo che l’unico modo per dimenticare, per anestetizzare il dolore, fosse l’alcool. Mi hai aiutato a smettere. Senza di te, oggi, non sarei qui. Per questo, il giorno che ho scoperto che ti eri ammalato, ho avuto così tanta paura”. Sa che l’ha curato come il suo gatto avrebbe fatto con lui, perché in passato lo aveva già fatto. “Ora che hai perso la battaglia mi manchi ogni giorno” conclude J-Ax pubblicando la loro foto insieme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.