Roma, 28enne tenta suicidio buttandosi nel Tevere

Flash News – Un giovane di 28 anni è stato salvato dai Carabinieri mentre tentava di suicidarsi buttandosi nel Tevere, a Roma.

Un tentativo di suicidio di cui ancora non si capiscono le cause, quello che ha per protagonista un giovane avellinese 28enne, sorpreso da una pattuglia di Carabinieri del Comando di Piazza Venezia mentre cercava di porre fine alla sua vita lanciandosi da ponte Garibaldi nel fiume che attraversa la Capitale. Naturalmente l’intervento dei due carabinieri ha fatto sì che si evitasse la tragedia.

Il 28enne, all’arrivo delle forze dell’ordine, aveva già scavalcato la recinzione di sicurezza del ponte Garibaldi e stava per buttarsi nel Tevere quando sono arrivati i carabinieri che sono riusciti a portare il ragazzo in salvo, afferrandolo e allontanandolo dal ponte. Dopo la vicenda, il giovane è stato accompagnato dai carabinieri all’Ospedale Fatebenefratelli di Roma, per le cure di routine. Ancora non si conoscono le cause che hanno spinto il 28enne a compiere il gesto, fortunatamente fermato in tempo, ma sulla vicenda indagano i militari.

Sara Moretti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.