Omicidio Carmela Melania Rea, il satellite ha ripreso il colpevole?

L’omicidio di  Carmela Melania Rea potrebbe essere risolto grazie all’ausilio del satellite? Secondo le ultime notizie il satellite potrebbe aver ripreso il colpevole dell’omicidio di Carmela. Che sia una donna o un uomo questo ancora non possiamo saperlo anche se, stando alle ultime svolte nelle indagini, sembrerebbe che gli inquirenti siano indirizzatti sulla pista che vorrebbe un killer donna. Si indaga infatti nel mondo del lavoro del marito di Melania. Circolano parecchie indiscrezioni sul fatto che l’uomo avrebbe avuto in passato delle relazioni extra coniugali. Non si scarta quindi l’ipotesi che l’omicidio possa avere un movente passionale. Sono state interrogate nelle ultime ore anche delle soldatesse addestrate da Salvatore Parolisi. Ma torniamo a parlare dell’importanza che il satellite potrebbe avere in questa vicenda.

Secondo quanto ci giunge anche da fonti legali sappiamo che “Sarebbero molto utili a ricostruire la verità dei fatti, le immagini e le riprese effettuate sulla zona in questione dai satelliti che regolarmente monitorano le aeree militari”. Leggiamo queste poche righe sull’agenzia di stampa Agi. Ma perchè proprio il satellite? Perchè, come abbiamo più volte detto, l’area presa in esame è un’area militare. Per cui i satelliti monitorano queste zone. Ma quante possibilità ci sono che il satellite possa dare qualche risposta? Abbiamo sentito anche in passato di un aiuto che sarebbe potuto venire dalle nuove tecnologie, o meglio, da chi ci spia senza che neppure noi ce ne possiamo accorgere.

Per ora questa resta semplicemente una pista come un’altra, utile forse ma che ancora non ha fornito nessun elemento nuovo. Ad oggi non abbiamo ancora nessun altro indizio utile a capire chi possa aver ucciso senza pietà Carmela Melania Rea. Non conosciamo il movente. Sappiamo solo che una giovane donna è stata uccisa e il colpevole, come molto spesso accade ultimamente, se ne va in giro libero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.