Alitalia rischia il fallimento, la salveranno le poste?

Alitalia rischia il fallimento, mancano pochi giorni: salvata dalle Poste? La situazione di Alitalia è nel mirino, rischia il fallimento. Il Governo cerca una soluzione al crac dell’azienda, e così potrebbe essere salvata dalle Poste. Nella giornata di ieri Massimo Sarmi, amministratore delegato del gruppo Poste Italiane, è stato chiamato a Palazzo Chigi per chiedergli di intervenire nella crisi Alitalia. In tal caso le banche favorirebbero la ricapitalizzazione di Alitalia con il benestare dei soci privati.

Letta non si dà per vinto, e le sta tentando tutte per risolvere la situazione di Alitalia che rischia il fallimento. Prima di chiamare in campo le Poste, erano state chiamate prese in considerazione anche Fs e Fintecna. Entrambe avrebbero dimostrato alcuni segnali di apertura, dopo un primo no alla questione, purché con un impegno economico ridotto. I sindacati criticano tale riluttanza, data la gravità della situazione: Alitalia rischia il fallimento. Si auspica quindi maggiore convinzione nel supporto da dare a questa azienda, in quanto tale piano industriale potrebbe portare a ritorni economici. Ora si attende la risposta di Poste Italiane. Sarà disposta a salvare Alitalia dal fallimento? L’alternativa sarebbe il commissariamento, che accontenterebbe invece Air France. Ipotesi da scartare assolutamente per i sindacati e i soci italiani. Lunedì prossimo avrà luogo l’assemblea di Alitalia. Nel caso in cui non venissero reperiti i 500 milioni necessari a salvare l’azienda dal crac, la situazione diverrebbe davvero critica.

Una vicenda davvero difficile quella che sta vivendo Alitalia in queste ore. Quali saranno le sue sorti? Verrà salvata dalle Poste? Questo è ciò che auspica il governo. La crisi di Alitalia che rischia il fallimento è un problema importante per il nostro Paese, che non va assolutamente sottovalutato. Nei prossimi quattro giorni si saprà dunque cosa ne sarà di Alitalia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.