Maddie la bambina scomparsa: vicini a una svolta dopo l’arresto di un uomo


Nell’ambito di una nuova inchiesta sulla scomparsa di Madeleine McCann, la bambina di tre anni conosciuta come Maddie, arriva una ricostruzione delle ultime ore della piccola prima di volatizzarsi nel nulla. E così su Bbc, emittente britannica, nel corso del programma Crimewatch andrà in onda una ricostruzione della durata di 20 minuti degli ultimi momenti di Maddie, prima della scomparsa nei pressi del campo da tennis. A quanto pare, vi sarebbero dei cambiamenti significativi riguardo le ultime ore della bambina scomparsa.

La piccola Maddie scomparve nel maggio del 2007, mentre si trovava in vacanza in Algarve, Portogallo, insieme alla sua famiglia. A detta della polizia metropolitana di Londra, la nuova ricostruzione dei fatti che precedono la scomparsa della piccola sarebbe più dettagliata. Nel programma Crimewatch saranno inoltre mostrate alcune immagini di uomini con i quali la polizia ha parlato nelle vicinanze del resort, luogo in cui la bambina è scomparsa. Verranno mostrati gli identikit, per cercare nuovi testimoni, e gli stessi andranno in onda in seguito anche in Olanda e Germania.


Le indagini sulla scomparsa di Maddie, bambina di soli tre anni di cui non si hanno più notizie dal maggio 2007, sono state riaperte lo scorso luglio. Dunque la polizia punta ad identificare alcune persone ritenute di interesse, al fine di capire se tra di essi c’è qualcuno che sa qualcosa escludendo invece coloro che non c’entrano nulla.

Intanto è stato arrestato un uomo inglese, nell’ambito delle indagini sulla scomparsa di Maddie. Ancora si sa poco su cosa abbia portato al fermo di questa persona.

A detta degli investigatori, la piccola Maddie potrebbe essere ancora viva. Si attendono dunque gli esiti della messa in onda della nuova ricostruzione delle ultime ore di Maddie, la bambina scomparsa.


Leggi altri articoli di Dal Mondo

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close