Tragedia a Capaccio: ventenne tedesco in vacanza annega nel litorale

E’ tragedia a Capaccio Paestum. Uno studente di 20 anni, tedesco, Mickey Twardygrosz, è morto annegato nel litorale Capaccio Paestum. Il 20enne si sarebbe tuffato e non sarebbe più riuscito a tornare a riva ed è annegato. La tragedia è accaduta ieri. Il ragazzo era insieme ai suoi amici e probabilmente non era consapevole di quanto pericoloso fosse il litorale di Capaccio.  Così, non si sono lasciati intimidire dalle onde troppo alte e il 20enne ha deciso di tuffarsi ugualmente. Uno degli amici, vedendo che il ragazzo aveva delle difficoltà nel tornare a riva ha tentato di raggiungerlo. Ma il suo tentativo di aiutarlo è risultato vano. Lui stesso si è reso conto che le onde erano troppo alte e la corrente troppo forte. Era una vera pazzia tuffarsi a mare.

Nella spiaggia di Capaccio erano presenti anche un gruppo di persone giunti lì per godersi gli ultimi giorni di sole. Presenti sul posto anche alcuni pescatori. Quando hanno visto il 20enne scomparire tra le onde, è stato subito avvisato il 118 e la guardia costiera di Agropoli. Purtroppo il 20enne tedesco non ce l’ha fatta ed è annegato tra le acque del litorale di Capaccio. La guardia costiera ha indivisuato il cadavere del ragazzo e ha recuperato il suo corpo.  Le onde hanno spinto il corpo verso la riva, a circa un chilometro di distanza più a sud rispetto al luogo in cui i ragazzi stavano facendo il bagno. Il cadavere del 20enne tedesco è stato trasportato nella sala mortuaria del cimitero di Capaccio. Nel frattempo, il medico legale ha eseguito l’esame esterno.  Tra le ipotesi della morte del 20enne, infatti, non è esclusa una congestione. Il ragazzo, infatti, si sarebbe buttato in acqua subito dopo aver mangiato un panino.  I ragazzi si trovavano sul posto per una gita d’istruzione e alloggiavano in un hotel non molto lontano dal litorale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.