Milano, morta donna incinta: investita insieme all’altro figlio di 4 anni

E’ tragedia a Milano. Una donna incinta è morta investita insieme al primogenito di 4 anni. Madre e figlio stavano attraversando la strada e all’improvviso sono rimasti vittime di un investimento. Le squadre dei soccorsi hanno tentato di salvarli, ma per loro non c’è stato nulla da fare. Il primogenito è stato trovato dai soccorritori un’ora dopo l’incidente. La donna era incinta di sette mesi ed è stata investita insieme al figlio primogenito di 4 anni. L’incidente è accaduto intorno le 19,30 a Milano, in viale Famagosta, nel tratto di strada che si affaccia su piazzale Maggi, zona a velocissimo scorrimento.
Si tratta di una 33enne di origine egiziana. Il bimbo che portava in grembo è morto anche. I medici hanno fatto di tutto, tramite il parto cesareo, per salvarlo. Morto anche il primogenito, il quale essendo stato sbalzato oltre il guard rail, non era subito visibile ai soccorritori ed è stato trovato un’ora dopo. Una famiglia distrutta.

Nel frattempo, presso il pronto soccorso dell’ospedale San Paolo, sono state praticate le manovre di rianimazione. Il marito della donna si è presentato in condizioni disperate. I medici si sono resi conto della presenza di un’altra vittima, ovvero dell’altro figlio, quando il marito della donna egiziana avrebbe chiesto di lui. Sul posto dell’incidente, infatti, è stato trovato anche il piccolo. Le sue condizioni erano pessime ed è morto all’ospedale qualche ora dopo. L’automobilista, subito dopo l’impatto con le vittime, alla guida di un’auto di marca Citroen, si è fermato per prestare soccorso. Si tratta di un ragazzo di 28 anni. Sul posto è intervenuta la polizia municipale. Dalle prime ricostruzioni, pare che la donna non avrebbe attraversato sulle strisce, ma nelle vicinanze del sottopasso dedicato ai pedoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.