Foggia: genitori abbandonano bimba malata in ospedale

E’ stata data in affido all’Ospedale di San Giovanni Rotondo la bambina di sei anni che è stata abbandonata dai genitori che non potevano più occuparsi di lei a causa della sua malattia. La piccola è ricoverata dal 2007 nella sala rianimazione della Casa Sollievo della sofferenza, nel comune foggiano, a causa di una rara malattia congenita che non le permette di avere nessun tipo di autonomia, nemmeno quella respiratoria, costringendola a vivere attaccata a un respiratore. Il Tribunale per i minorenni di Bari, ha deciso quindi di affidare la piccola all’ospedale fondato da Padre Pio, e ha nominato come suo tutore Giuseppe Melchionada, il primario del reparto che si sta prendendo cura di lei. Nonostante viva attaccata 24 ore su 24 a un respiratore, la bambina è vigile, gioca e interagisce con tutte le persone che ormai da anni si prendono cura di lei. Tra di loro c’è Suor Noemi, caposala del reparto, che le fa da vera e propria mamma: «Nei miei tanti anni di vita ho conosciuto tantissimi bambini, ma l’aver incontrato questa bimba è stata un’esperienza unica, bellissima. Lei ha tutto il nostro affetto e cerchiamo di non farle mancare niente». Nel giugno 2009, quando nella cittadina andò in visita Benedetto XVI, la piccola fu portata anche di fronte al Papa che la accarezzò e la benedisse. La generosità del personale dell’Ospedale fa sì che la piccola si trovi sempre in mezzo all’affetto di una grande famiglia che si prende cura di lei e la coccola per non farle pesare troppo la sofferenza a cui è costretta. «Tutti pregano per lei e continuano a sperare di poterla vedere un giorno camminare», continua Suor Noemi, che ricorda come la speranza debba essere l’ultima a morire, dato che per la piccola era stata diagnosticata una vita molto breve, ma da quel giorno sono già passati sei anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.