Sarah Scazzi ultime notizie: Sabrina Misseri resta in carcere, no agli arresti domiciliari

Nell’ambito dell’omicidio di Sarah Scazzi emergono ancora novità su Sabrina Misseri. Ecco le ultime notizie. La cugina della 15enne uccisa ad Avetrana il 26 agosto 2010 resta in carcere, ed è stata respinta la richiesta degli arresti domiciliari avanzata qualche tempo fa. A dire di no agli arresti domiciliari per Sabrina Misseri, 24 anni, è stata la Corte d’Assise di Taranto. La 24enne è attualmente condannata all’ergastolo per il terribile delitto della cuginetta Sarah Scazzi, e con lei anche la madre, Cosima Serrano.

Le motivazioni della decisione di lasciare Sabrina Misseri in carcere sono state scritte in un provvedimento di sei pagine. La 24enne è stata condannata il 20 aprile 2013, e a quanto pare non ci sono i presupposti per rimandarla a casa, agli arresti domiciliari, come chiesto invece dai legali della stessa, Nicola Marseglia e Franco Coppi. A detta degli avvocati, Sabrina non sarebbe nella condizione di poter commettere dei reati, essendosi trattato di un delitto d’impeto, di inquinare le prove e tanto meno di fuggire, essendo molto nota all’opinione pubblica. La Corte d’Assise di Taranto non è dello stesso avviso, ed si è espressa contro la possibilità degli arresti domiciliari per Sabrina Misseri. Infatti potrebbe ancora inquinare le prove o fuggire. La 24enne in precedenza avrebbe già dato prova della sua capacità di depistare le indagini avvicinando possibili testimoni.

Insomma, a quanto pare Sabrina Misseri resta in carcere, e non andrà agli arresti domiciliari come richiesto. Anche sua madre Cosima rimarrà rinchiusa nella casa circondariale. Entrambe sono accusate per l’atroce delitto di Sarah Scazzi, il cui cadavere fu occultato in un pozzo dallo zio, Michele Misseri, che più volte provò ad addossarsi la colpa della morte della ragazzina. La situazione di Sabrina Misseri risulta essere davvero compromessa, e lo stato di libertà è assolutamente da escludere, per lo meno in questa fase.

Si attendono ulteriori aggiornamenti sul delitto di Sarah Scazzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.