Elezioni Sardegna, Berlusconi: Toti ha accettato per amore, ma non siamo gay


Comizio spettacolo quello di oggi da parte di Silvio Berlusconi, intervenuto a Cagliari nell’ambito della campagna elettorale per le elezioni regionali. Berlusconi è arrivato per sostenere la candidatura del governatore uscente, Ugo Cappellacci. Il comizio si è svolto tra gag, battute e promesse, in pieno stile Berlusconi. Ad ascoltarlo circa 2.500 persone.
Il leader di Forza Italia, giunto in ritardo alla Fiera di Cagliari, si è scusato con la platea così: “Mi scuso per il ritardo ma a Roma sembrava di essere in Sardegna. Abbiamo impiegato più di un’ora per arrivare in aeroporto“.
Tra i primi interventi fatti, quello riguardante la nomina di Giovanni Toti a ruolo di consigliere politico, fatto questo che ha attirato diverse critiche all’interno del partito da parte di chi si è visto sorpassare da un parvenu: “Un mio amico, che si chiama Giovanni Toti, che da anni lavorava in Mediaset e che ha rinunciato ad uno stipendio altissimo, come tutti quelli di Mediaset – ha esordito l’ex senatore – è venuto per amor mio, ma non siamo due gay…
Berlusconi ha poi detto di non avere intenzione di sovvertire gli equilibri del partito: “Non vogliamo rottamare nessuno – ha chiarito il leader di Forza Italia – perchè se c’è qualcuno che in 50 anni ed oltre della sua carriera come imprenditore e uomo delle istituzioni, e che ha avuto totale rispetto di tutti e totale vicinanza con i collaboratori e amici, questo signore si chiama come mi chiamo io“.
Berlusconi ha poi parlato delle recenti fotografie che lo hanno ritratto, per la prima volta, così com’è, senza trucco: “Ho chiesto alle ragazze di Forza Silvio di venirmi a mettere le mani addosso, sulla mia faccia, perchè ho chiesto a un signore di fotografarmi e di rappresentarmi come sarò a 90 anni, e invece hanno pubblicato quelle foto come se fossero di oggi. Qualche ruga c’è ma i miei 80 anni li porto bene...”.
Rivolgendosi alla platea, Berlusconi ha proseguito parlando del candidato del centrodestra, Ugo Cappellacci: “Cappellacci d’ora in poi chiamatelo Franco, io lo chiamo così perchè mi rompe le scatole tutti i giorni con la zona franca“.

Leggi altri articoli di Attualità Italiana

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.: 03370960795 - Iscrizione REA: 307423

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

 

Close