Napoli, trovato cadavere imprenditore al cimitero: ha il cranio fracassato

La scorsa notte, a Napoli, è stato trovato il cadavere di un imprenditore al cimitero, con il cranio fracassato. Si tratta del 73enne Gennaro Finizio, che si era allontanato di casa verso le ore 15 di ieri con la sua automobile, una Mercedes. L’imprenditore non ha più fatto ritorno in casa, e ne è stata denunciata la scomparsa.

L’imprenditore era solito uscire di casa da solo per sbrigare alcune faccende, e non presentava problemi di salute. Ad allarmare la famiglia è il fatto che il 73enne non stesse rientrando in casa e che non rispondesse al telefono. Il figlio è andato presso l’ufficio del padre che si trova fuori Napoli, ma lì non ha trovato nulla di strano. Verso le ore 20 di ieri ha così denunciato la scomparsa dell’imprenditore ai Carabinieri della compagnia del Vomero.

Purtroppo in tarda serata è avvenuto il ritrovamento del cadavere dell’imprenditore nel cimitero di Poggioreale, e l’uomo aveva il cranio fracassato. Era circa mezzanotte, quando è stato rinvenuto nella sua automobile sul lato di via del Riposo. E’ stato rintracciato grazie al navigatore. Il cadavere presenta evidenti segni di violenza fisica. E’ stato massacrato di botte e ha il cranio fracassato.

Non si conoscono le ragioni di tutta questa violenza perpetrata ai danni dell’imprenditore di Napoli, il cui cadavere è stato trovato al cimitero. E’ stata esclusa l’ipotesi di una rapina, in quanto non gli è stato tolto nulla. Non ci resta che attendere ulteriori aggiornamenti su questo giallo del cadavere dell’imprenditore trovato con il cranio fracassato a Napoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.