Allarme sicurezza, hacker russi rubano password ed e-mail utenti a 420mila siti

Un allarme sicurezza informatica globale quello causato da un gruppo di hacker russi. Rubano 1,2 miliardi di password a 420mila siti internet e circa 500 e-mail appartenenti agli utenti iscritti. La loro sede è nella Russia centro meridionale, ma potrebbe trattarsi di un gruppo molto più folto, contenente persone di altri Paesi. A rivelare la notizia per primo è stato il New York Times. Tuttavia, la scoperta era già stata fatta dagli esperti informatici. Questi ultimi hanno subito dato l’allarme sicurezza dopo aver notato che erano state rubate password e conseguenti indirizzi e-mail degli iscritti di oltre 420mila siti.

Il tutto con un conseguente danno economico a privati e aziende. A scoprire l’attacco è stata la Hold Security. Il fondatore della società ha così spiegato: “Gli hacker hanno preso di mira società americane grandi e piccole e la maggior parte di quei siti è ancora vulnerabile”. La sicurezza è stata salvaguardata in parte dal sistema di intercettazione dell’azienda. La Hold Security è almeno riuscita a  scoprire la sede degli hacker. Il quartier generale è nella Russia centro meridionale e i criminali hanno tutti tra i 20 e i 30 anni. Sono in attività da 3 anni e pian piano hanno intensificato i loro attacchi, provando ad alzare sempre di più la posta. Sono così a rischio i dati personali di milioni di utenti, a partire dai loro indirizzi e-mail.

Hackerata la pagina Facebook di Papa Francesco – LEGGI QUI

Potrebbero chiedere il riscatto pur di restituirli ai legittimi proprietari – ma sarebbe pressoché impossibile accertare che non decidano ugualmente di tenerli per loro – o/e rivenderli al mercato nero. Si tratta di uno degli attacchi hacker più efficaci di sempre. Gli hacker russi hanno così messo a rischio la sicurezza informatica di 420mila siti internet e rubato le password, le e-mail e i dati personali di migliaia di utenti. Purtroppo, non sono stati resi noti i siti interessati dall’attacco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.