La Sapienza di Roma, scandalo per la lezione di Schettino: è una bufala

Francesco Schettino dà una lezione scandalo a La Sapienza di Roma. Gestione del panico, questa la Lectio Magistralis che ha creato polemiche sul web, ma si tratta di una bufala

È scandalo all’Università La Sapienza di Roma. Francesco Schettino, il purtroppo celebre capitano della Costa Concordia, è stato invitato questa mattina per una lezione sulla gestione del panico. L’invito è arrivato da un professore, in maniera del tutto autonoma. Una Lectio Magistralis che non è stata presa bene da nessuno, nemmeno dal rettore dell’Università. Luigi Frati e l’ufficio stampa de La Sapienza stanno preparando un comunicato ufficiale in cui si dissociano dalla presenza di Francesco Schettino. Stando ai vertici dell’Università, la presenza del capitano della Concordia sarebbe da addebitare a un professore.

Concordia, si cerca il timoniere di Schettino – LEGGI QUI

L’invito è arrivato in maniera del tutto autonoma e non è stato formalizzato dall’Università. Da La Sapienza di Roma prendono così le distanze dall’iniziativa di un professore solitario. E intanto ha creato polemiche sui social networks la presenza di Schettino a Roma per fare una lezione sulla gestione del panico. Proprio lui, che in una situazione di panico non è riuscito a mantenere la calma necessaria per riportare tutto alla normalità.

Isola dei famosi 2015 – non ci sarà il famoso capitano della Concordia – LEGGI QUI

Molti gli utenti meno noti e famosi che non credevano ai loro occhi dopo aver appreso la notizia e pensavano si trattasse di uno scherzo. Invece, non era uno scherzo. L’invito a Schettino, però, non è arrivato da La Sapienza, bensì da un professore, in maniera del tutto autonoma. L’Università probabilmente prenderà provvedimenti nei suoi confronti. Prima si è dissociata tramite un tweet e poi con un comunicato stampa ufficiale.

Aggiornamento: Schettino avrebbe fatto solo un intervento durante un master in criminologia. La notizia della sua lectio magistralis è stata dunque una bufala.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.