Napoli, rifiuti: la Lega non approva il decreto

Tensione per il decreto rifiuti tra le forze della maggioranza. Mentre il Governo cerca di affrettare i tempi per evitare sanzioni europee e l’aggravarsi della crisi napoletana, la Lega fa ostruzionismo e ribatte che, dopo aver scaricato al sud migliaia di tonnellate pericolose di immondizia, quella normale, generata dalla vita cittadina, deve restare al sud.

Una posizione forte, che i leghisti non intendono abbandonare, minacciando addirittura la stabilità del governo. Si cerca un compromesso al decreto, inviando le regioni limitrofe alla Campania ad accettare i rifiuti napoletani o anche a quelle che si offrono di guatare, almeno temporaneamente lo smaltimento della grande giacenza a terra.

Si spera in un accordo tra le Regioni, auspicato con forza anche dal Presidente della Repubblica Giorgio Napoletano che ha invitato non solo i parlamentari napoletani, ma tutte le forze politiche a risolvere il problema.

Chi è sceso in campo per aiutare concretamente il sindaco di Napoli De Magistris è l’Idv di cui il sindaco fa parte. Un lavoro impegnativo per cui l’Idv sta cercando di provvedere ad un accordo, un compromesso che aiuti la Campania a liberarsi dei rifiuti. La Lega invece, si appella alla sentenza del Tar del Lazio che vieta di portare i rifiuti al di fuori della propria regione. Per questo la Campania potrà farlo solo se ci sarà accordo con alcune regioni.

Tutti sperano in una soluzione prossima e decisiva per risolvere il problema napoletano, ma una decisione che deve essere solo il principio di una gestione molto più attenta allo smaltimento dei rifiuti per evitare e questa volta davvero, di ritornare al punto di partenza, quello, per intenderci, di una nuova crisi che mette in ginocchio un’intera regione.

Teresa Corrado

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.