Trigoria: donna trascinata in ospedale con forza dalla polizia

Ieri, nel corso della trasmissione “Chi l’ha Visto”, in onda su Rai Tre e condotta da Federica Sciarelli, abbiamo ascoltato una storia che ha lasciato moltissimi cittadini di Trogoria (una frazione di Roma) letteralmente allibiti. Si tratta della storia di una donna anziana, trascinata con la forza dalla polizia in ospedale: Maria, secondo quanto si è appreso dalla trasmissione è stata presa con la forza mentre era in un parcheggio di un discount di Trigoria ed è stata portata in ospedale per un “trattamento speciale obbligatorio”, secondo quanto riferisce la polizia. Federica Sciarelli mostra le immagini scattate con i telefonini, dai cittadini che sono rimasti indignati da comportamento della polizia municipale. Una donna intervistata ai microfoni della trasmissione non ha retto la commozione: “L’hanno trattata come un cane!”, ha detto. Come possiamo vedere anche dal fotogramma che abbiamo pubblicato qui, la donna è stata trascinata, seminuda, in ospedale. Alcuni cittadini hanno raccontato di minacce arrivate dalla polizia municipale, che ha chiesto di non fare foto in quei minuti in cui la signora Maria è stata presa con la forza. A Chi l’ha Visto è intervenuto anche il comandante dei vigili di Roma, per dire la sua: l’uomo ha confermato che si trattava di un trattamento sanitario obbligatorio e che, se il soggetto oggetto del trattamento si rifiuta di prendere medicinali, bisogna portarlo in ospedale anche con la forza. Certo però, ha smentito quanto raccontato dai cittadini, dicendo che non c’è stato nessun episodio di violenza. La Sciarelli a quel punto ha risposto al comandante dicendo che lui non era sul posto e che i cittadini hanno raccontato di un episodio veramente spiacevole, e alla fine ha posto una domanda al comandante dei vigili del fuoco: “Perchè Maria non è stata presa da casa, ma dal parcheggio di un discount davanti a tutti?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.