Il legale di Schettino rinuncia all’incarico: Sono stanco

Legale Schettino

Domenico Pepe, legale di Francesco Schettino, ha deciso di non rappresentare più il comandante della Costa Concordia in Tribunale. Una decisione arrivata all’improvviso e che l’avvocato, attraverso comunicato all’Ansa, giustifica solo con una sola, semplice, frase: Sono stanco.

La decisione di dimettersi arriva dopo l’intervista che Francesco Schettino ha rilasciato a Le Iene e nella quale l’ex comandante della Costa Concordia parlava di un interessamento di Mediaset per farlo partecipare all’Isola dei Famosi 10. Schettino, nello spiegare quella vicenda, ha affermato di essere stato messo in contatto con chi di dovere proprio dal suo legale, l’avvocato Domenico Pepe (era uno scherzo organizzato da Le Iene)

 E’ ARRIVATA LA CONDANNA: FRANCESCO SCHETTINO 16 ANNI E UN MESE IN CARCERE

All’indomani di questo servizio, che ha movimentato il web e non solo, ecco che arrivano le dimissioni dell’avvocato che ha deciso dunque di non rappresentare più quello che ino ad oggi era stato il suo assistito. Non solo, in merito all’eventuale proposta di Mediaset di fare partecipare Francesco Schettino all’Isola dei Famosi 10, Domenico Pepe ha detto la sua minimizzando anche la cosa:

Nel novembre 2014 ci fu un solo contatto telefonico con un funzionario di Mediaset che mi chiamò per un programma televisivo a cui avrebbe dovuto partecipare Schettino. Ma poi la cosa da parte mia non ebbe alcun seguito

 COSTA CONCORDIA, ANNIVERSARIO TRAGEDIA: IL GIGLIO RENDE OMAGGIO ALLE VITTIME (FOTO)

Forse per tutto questo polverone, o forse per una inevitabile esposizione mediatica che non ha saputo gestire, ecco che Domenico Pepe ha deciso di fare un passo indietro e rassegnare le sue dimissioni. Intanto sul web sono tantissimi i commenti critici nei confronti dell’uomo, accusato di avere fatto anche troppo difendendo fino ad ora una persona indifendibile. Ricordiamo che Francesco Schettino è stato condannato a 16 anni e un mese per la tragedia che, ormai tre anni fa (era il 13 gennaio 2012), ha provocato la morte di trentadue persone al largo dell’Isola dei Giglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.