Omicidio-suicidio a Udine: uccide la moglie e poi si spara

carabinieri

ULTIME NOTIZIE-Tragedia in provincia di Udine dove un ottantatreenne ha prima ucciso la moglie e poi si è tolto la vita: a scoprire i cadaveri dei due è stata la badante che da tempo abitava con loro per accudirli, visto che non erano più autosufficienti. La tragedia è accaduta intorno alle 7.45 di questa mattina. Pietro Rabassi, 83 anni, era da tempo sulla sedia a rotelle; sua moglie Vittoria Bertogoli, 78 anni, era anche lei inferma da molti anni. Forse è stato proprio questo il motivo che ha indotto l’anziano a imbracciare il fucile per togliere prima la vita alla moglie e poi suicidarsi. Subito dopo l’amara scoperta, la badante ha allertato i Carabinieri della Compagnia di Tolmezzo comandati dal capitano Stefano Bortone i quali sono subito accorsi sul posto ma non hanno potuto fare altro che constatare la morte dei due anziani coniugi.

 INCENDIO IN ZONA VIGNE NUOVE A ROMA: MUORE UN ANZIANO DISABILE

OMICIDIO SUICIDIO A UDINE, LA RICOSTRUZIONE- La coppia abitava da molto tempo a Feltrone, piccola frazione di Socchieve, in provincia appunto di Udine. Ma da troppo tempo le giornate di questi due anziani si erano fatte difficoltose a causa delle rispettive malattie che li avevano resi invalidi e bisognosi dell’aiuto di una terza persona. Ed è così, probabilmente, che in un momento di sconforto Pietro Rabassi ha deciso di dire basta. Gli inquirenti stanno indagando ma non sembrano esserci altre motivazioni alla base di questo gesto sconsiderato compiuto dall’anziano marito nei confronti della moglie. I Carabinieri ascolteranno la badante che da tempo accudiva la coppia per capire dove si trovasse lei al momento della tragedia.

 SARZANA, RAPINA IN VILLA: ANZIANO RIMASTO LEGATO PER 30 ORE

Purtroppo non si tratta del primo caso di persone anziane che ad un certo punto della loro esistenza, stanchi di essere malate e non più autosufficienti, decidono di compiere gesti così eclatanti.

2 responses to “Omicidio-suicidio a Udine: uccide la moglie e poi si spara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.