Bimba uccisa da elica dello yacht a Cagliari: barca in fuga


Ancora un fatto di cronaca che lascia senza parole in questo pomeriggio di luglio. La notizia arriva da Cagliari, precisamente da Santa Margherita di Pula (Cagliari), sulla costa sudorientale della Sardegna. Una bambina stava probabilmente facendo il bagno quando si è avvicinata a uno yacht: è stata tranciata dall’elica del mezzo ed è morta senza che i soccorritori potessero fare nulla. La barca, una imbarcazione di circa 12 metri, sarebbe poi scappata via incurante della tragedia che era appena successa.

CHOC A ROMA: BIMBO CADE IN ASCENSORE E MUORE


La prima ricostruzione-Pare che la piccola stesse risalendo da poppa sulla barca quando una persona a bordo ha acceso il motore. Dopo l’incidente si è data alla fuga. Il padre della bimba è riuscito a portare a riva la piccola, ma il suo corpo era ormai straziato dalle ferite. Se così fosse il fatto sarebbe ancor più drammatico perchè se la bimba stava risalendo sul mezzo a bordo c’erano persone che la conoscevano, le stesse persone che hanno accesso il motore scappando via. Ma questa dinamica è ancora da confermare.

Il 118, chiamato subito dopo il fatto, ha tentato di salvare la piccola ma le ferite inferte dall’elica avevano ormai compromesso gli organi vitali.  La vittima e i suoi genitori sono originari di Assemini, in provincia di Cagliari. Queste le ultime notizie che arrivano dalla provincia di Cagliari. Un’altra tragedia dopo quella di qualche ora fa a Roma. I genitori della bambina sono sotto choc e cercano di capire come siano realmente andate le cose, come è potuto succedere tutto questo?

Dal sito Unionesarda.it arriva un’altra versione della tragedia:  lo yacht non si è allontanato dal luogo della tragedia, come sembrava nei primi concitati momenti, ma è stato fatto spostare dalla Guardia Costiera. Adesso le motovedette stanno scortando l’imbarcazione al porto di Cagliari. Tutto da verificare quindi, secondo alcuni giornali locali infatti si sarebbe trattato solo di un tragico incidente.


Leggi altri articoli di Attualità Italiana

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close