Ylenia ustionata a Messina difende il suo ragazzo ma un video lo incastra

In questi giorno Ylenia non ha voluto tacere, anzi ha più volte parlato con i giornalisti, si è mostrata in tv e nella puntata di Pomeriggio Cinque in onda l’11 gennaio 2017 ha tirato fuori anche tutta la rabbia che prova verso sua madre, colpevole, secondo il suo punto di vista, di non gradire la relazione con il suo fidanzato. Ma tutte le parole di Ylenia sono state contro i familiari e contro chi non crede in lei. Ylenia, una ragazza di 22 anni ustionata nella sua casa a Messina da un uomo incappucciato, ha sempre difeso il suo fidanzato dicendo che mai avrebbe potuto gettare su di lei della benzina e poi darle fuoco. Lo ha difeso urlando, piangendo e continuando a dire che lui non ha nulla a che fare con questa storia. Ma Ylenia da vittima, potrebbe presto diventare complice di una vicenda dai tratti davvero oscuri. Un video infatti incastra il fidanzato della ragazza: è andato in esercizio commerciale, ha comprato nervosamente alcune cose e poi ha chiesto una bottiglia dell’acqua vuota. Ha chiesto, come si vede nel video, di poter avere della benzina ed è andato via. Un video che non lascia nessun dubbio alla forze dell’ordine che lo accusano per l’aggressione della ragazza.

Purtroppo Ylenia, continuando a difendere il ragazzi, è davvero passata dalla parte sbagliata in questa vicenda anche per l’opinione pubblica. Di fronte a storie di ragazze che perdono la vita, a storie come quella di Carla Caiazzo o di Lucia Annibali, o della bella miss sfregiata proprio poche ore fa, quella di Ylenia sembra quasi un insulto, un’offesa. Tanto da portare molte persone che commentano sui social a dire che i due erano d’accordo. Non arriviamo a pensare che per un attimo di popolarità si possa davevro fare tutto ciò, probabilmente Ylenia è solo accecata dal grande amore che prova per questo ragazzo, tanto da voler difendere il suo sentimento e il suo amore da tutto e contro tutti. Ylenia va aiutata, non offesa e umiliata. E la persona che le ha fatto del male anche. 

La speranza è che davvero qualcuno possa fare qualcosa per aiutare entrambi. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.