Hotel Rigopiano ultime notizie: Paola ha chiesto aiuto per due giorni dopo la valanga


Hotel Rigopiano ultime notizie: Paola ha chiesto aiuto per due giorni dopo la valanga

Avevano detto che le vittime dell’Hotel Rigopiano non potevano essere salvate, avevano detto che tutti i morti avevano smesso di vivere poche ore dopo la valanga che ha travolto il resort di Farindola. Le cose però non stanno esattamente in questo modo. Paola è morta con il suo cellulare in mano, è morta dopo aver provato per oltre 40 ore a chiedere aiuto, è morta probabilmente perdendo ogni speranza di essere salvata e quel cuore inviato su Whatsapp alle persone a lei care, è una pugnalata per tutti. I messaggi che Paola, una delle vittime estratte solo quando non c’era più nulla da fare, non sono mai partiti dal suo cellulare. Non c’era campo, era impossibile chiedere aiuto. Lei però ha cercato di farlo e ha sperato che qualcuno potesse leggere le sue parole, che qualcuno potesse salvarla. Era in vacanza con il suo fidanzato Paola, anche lui, Marco, morto sotto le macerie, al freddo. Ci avevano detto che tutte le altre vittime di questa tragedia non potevano essere salvate neppure se si fosse arrivati prima. Forse non è così. 

Su Repubblica una ricostruzione di quelle che sono state le ultime ore di vita di Paola. La donna scriveva prima della tragedia ai suoi familiari raccontando di quello che stava accadendo, della paura, della neve.

Spiegava che non si poteva lasciare il resort, che non c’erano i mezzi per farlo.

E poi il primo messaggio dopo che la valanga ha travolto e spazzato via tutto. Lei aveva il cellulare in mano, tutti erano pronti ad andare via e continuavano a informare i familiari delle novità. Paola con il cellulare ha provato a chiedere aiuto anche dopo la valanga ma non è stata fortunata. Le tante chiamate che ha provato a fare non sono mai partite e i messaggi che ha inviato su whatsapp sono rimasti solo sul suo cellulare. Ha chiesto aiuto, ha chiesto ai suoi cari di chiedere aiuto per lei. Lo ha fatto per ore. Lo ha fatto per quasi due giorni e quando ha iniziato a capire che probabilmente non si sarebbe mai salvata ha voluto lasciare parole d’amore per le persone a cui voleva bene. Frasi d’affetto e un cuore inviato quando forse non aveva più forze e aveva smesso di sperare che qualcuno la salvasse dall’inferno. Una morte lenta, purtroppo. Paola è una testimone postuma di questa tragedia. Nel dramma questi messaggi potrebbero rappresentare una prova a favore dei familiari delle vittime che da mesi sostengono che in quell’Hotel si è morti perchè si è arrivati troppo tardi. Chi ha sbagliato deve chiaramente pagare. L’inchiesta sarà lunga. 

Leggi altri articoli di Attualità Italiana

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.:03370960795 - iscrizione REA: 307423

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

 

Close