Massa, Villa Massoni: investe e uccide il fratello per eredità

investe e uccide il fratello a massa

E’ accaduto a Massa, un uomo ha investito e ucciso il fratello con la propria auto nella nota Villa Massoni. Stiamo parlando di Marco Casonato, professore universitario di 62 anni. Quest’ultimo avrebbe travolto con la sua macchina, una Fiat Doblò, il fratello Piero Alessandro. La vittima era un medico 59enne. Il colpevole si è poi consegnato alla polizia. Stando alle ultime notizie i due erano comproprietari della storica Villa, dove è accaduto il tutto lo scorso 1 novembre.

PROFESSORE UNIVERSITARIO UCCIDE IL FRATELLO NELLA VILLA MASSONI ULTIME NOTIZIE: IL TRAGICO EPILOGO

A Massa, un uomo ha ucciso il fratello nella Villa Massoni. La vittima portava il nome di Piero Casonato, medico di anni 59. Mentre il fratello, Marco, è un insegnante di psicologia all’Università di Milano. Dalle ultime notizie sappiamo che i due erano comproprietari della Villa dove è accaduto l’investimento. I due fratelli sarebbero, da diverso tempo, in contrasto proprio per alcune questioni riguardanti l’edificio. Probabilmente dopo l’ennesima lite, Marco avrebbe deciso di mettere fine alla vita del fratello Piero, utilizzando la sua stessa macchina. Con l’automobile sarebbe passato sul corpo dell’uomo diverse volte. Dopo aver ucciso il fratello, il colpevole avrebbe subito scelto di consegnarsi alla polizia, dalla quale poi è stato interrogato. Per ora sappiamo che Marco è assistito dal suo avvocato.

I DUE FRATELLI CASONATO COMPROPRIETARI DELLA VILLA MASSONI: FINITI SOTTO INCHIESTA LO SCORSO MESE

La Villa storica è stata messa sotto sequestro direttamente dalla Procura. Nel corso degli ultimi tempi, erano stati iniziati i lavori di messa in sicurezza. I due fratelli erano, infatti, finiti sotto inchiesta per “danneggiamento al patrimonio archeologico”. Pare che l’edificio non sia mai stato sottoposto ad opere di manutenzione. Pertanto, la Villa verserebbe in uno stato di degrado. Lo scorso 15 ottobre, i militanti di Forza Nova avevano deciso di prendere atto di quanto stava accadendo, presentandosi a Villa Massoni. Qui, con il permesso di Marco Casonato, volevano comprendere lo stato dell’edificio. Il sopralluogo si sarebbe interrotto con l’arrivo di Piero. Quest’ultimo aveva anche rischiato di investire i militanti presenti sul posto, attraverso il suo fuoristrada. Così, quel giorno intervennero sul posto la polizia, i carabinieri, gli agenti della digos e la guardia di finanza. Tutte le persone che si trovavano nel luogo dovettero raggiungere la questura per sottoporsi ad un interrogatorio. Si tratta di uno dei tanti episodi di cui i fratelli sono stati protagonisti, fino alla morte di Piero Casonato l’1 novembre proprio nella Villa Massoni per mano del fratello Marco. Le ultime notizie raccontano che la causa dell’ultima lite tra i due sia dipesa dall’eredità. A quanto pare, non riuscivano a raggiungere un accordo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.