Adepti ridotti in schiavitù: scoperta la setta macriobiotica


setta macrobiotica, adepti ridotti in schiavitù

Adepti schiavizzati e maltrattati, finalmente la polizia scopre la setta macrobiotica. Le ultime notizie rivelano che sono cinque le persone indagate, a seguito di un’indagine effettuata dalle squadre mobili di Ancona e Forlì, aiutate anche dal Servizio centrare operativo. Le accuse sono di vario genere e partono dall’associazione a delinquere finalizzata alla riduzione in schiavitù fino all’evasione fiscale. A denunciare il tutto ci aveva pensato una ragazza durante l’anno 2013. Attraverso vari controlli si è finalmente giunti alla verità.


SCOPERTA SETTA MACROBIOTICA ULTIME NOTIZIE: COME CONTROLLAVA E GESTIVA LA VITA DEI SUOI ADEPTI

Setta macrobiotica manipolava le sue vittime ridotte in schiavitù, costrette a seguire una rigida alimentazione. Ogni contatto con il mondo esterno veniva negato. Le indagini hanno portato ad accusare cinque persone. A effettuare i controlli ci hanno pensato le squadre mobili di Ancona e Forlì e il Servizio centrale operativo. Le accuse, nei confronti degli appartenenti ad una setta che lavorava nel settore dell’alimentazione macrobiotica tra le Marche e l’Emilia Romagna, sono: associazione a delinquere finalizzata alla riduzione in schiavitù, maltrattamenti, lesioni aggravate ed evasione fiscale. La setta è stata smantellata dalla polizia. L’inchiesta è iniziata dal 2013, quando una ragazza decise di denunciare quanto stava accadendo. In particolare, la ragazza ha rivelato di essere caduta nel tranello del capo della setta che prometteva dei benefici miracolosi della sua dieta. Quest’ultima era in grado di curare delle malattie incurabili, secondo il noto imprenditore del settore macrobiotico. Le vittime venivano controllate attraverso l’alimentazione e a loro venivano anche negati i contatti con il mondo esterno. Ogni aspetto della vita degli adepti era gestito dalla setta. Inoltre, erano pretese anche delle donazioni in denaro. Gli accusati devono anche rispondere del mancato pagamento delle tasse per centinaia di migliaia di euro.

Attraverso le indagini della polizia, è stato possibile rilevare il rigido stile di vita che veniva imposto dal capo della setta macrobiotica. In particolare, si parla delle diete MA.PI. Lunghe erano le conferenze da lui tenute, durante le quali si parlava per ore della forza del suo regime alimentare. Le sue parole avevano come scopo quello di plasmare un asservimento completo delle vittime. La loro esistenza veniva gestita da lui, che si avvaleva anche dell’aiuto dei suoi collaboratori. Gli adepti venivano, inoltre, convinti a lasciare il proprio lavoro. In questo modo, potevano lavorare per l’associazione, in segno di ringraziamento per la salvezza ricevuta. Venivano anche sfruttati, costretti a lavorare per tante ore.


Leggi altri articoli di Attualità Italiana

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close