Coronavirus dati 25 marzo 2020: i morti sono 7503, attualmente positivi 57.521


Si era detto che la conferenza stampa oggi in diretta da Roma non ci sarebbe stata ma invece alle 18, due rappresentati della protezione civile hanno aggiornato tutti gli italiani in merito ai dati che riguardano la giornata di ieri. Non c’è Angelo Borrelli, il capo della protezione civile che ha la febbre e sta attendendo l’esito del nuovo tampone per capire se ha contratto il COVID 19, ma ci sono due collaboratori. A sostituire Borrelli, Agostino Miozzo, direttore del dipartimento di Protezione civile.

Arrivano quindi i dati relativi al 25 marzo 2020 con numeri che purtroppo ci raccontano di altri decessi, ancora tanti. Quasi 700 le persone morte ieri.

 Secondo il nuovo bilancio, sono 3.491 i casi positivi in più, 683 nuove vittime che porta il totale a 7.503. Mentre il numero delle persone attualmente positive sale così 57.521 a pazienti.

Complessivamente sono state colpite dal virus 74.386 persone in Italia, 5.210 persone in più rispetto a ieri, quando i casi totale erano 69.176. Quanto alle guarigioni, nelle ultime 24 ore sono guariti 1.036 pazienti, per un totale di 9.362. I pazienti ricoverati in strutture ospedaliere con sintomi sono 23.112, di cui 3.489 in terapia intensiva. 30.920 sono invece le persone in isolamento domiciliare in tutta Italia.

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE 25 MARZO 2020: DATI REGIONE PER REGIONE

Ecco i dati regione per regione

Ancora una volta la regione Lombardia ad avere il maggio numero di casi positivi, si registrano oltre 32mila casi al 25 marzo 2020. Supera i 10mila casi l’Emilia Romagna mentre il Piemonte si avvicina al Veneto ( e vista la grandissima differenza nel numero di tamponi, come potrete vedere dallo schema qui sotto) si evince che la regione purtroppo, potrebbe nei prossimi giorni, avere numeri ancora più alti. E il Piemonte, tra l’altro, è oggi dopo la Lombardia, la regione con il maggior numero di decessi.

Leggi altri articoli di Attualità Italiana

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close