La lettera di Martina Ciontoli: “Marco stava morendo e io no avevo capito niente”