E’ giallo sulla vicenda del gratta e vinci rubato, il tabaccaio: “E’ mio”

E' giallo sulla vicenda del gratta e vinci rubato, il tabaccaio: “E' mio”

E’ vero e proprio giallo sulla vicenda del gratta e vinci rubato a Napoli con il tabaccaio Gaetano Scutellaro che rivendica la proprietà di quel biglietto vincente del valore di mezzo milione di euro. Contro di lui però al momento c’è la denuncia di un’anziana signora che avrebbe grattato il biglietto salvo poi passarlo al tabaccaio per controllare l’eventuale vincita. Dalla sua parte le telecamere del locale che avrebbero ripreso la scena.

La vicenda andrà chiarita, al momento il tabaccaio è stato fermato mentre era intento a prendere un aereo all’aeroporto di Fiumicino, destinazione Fuerteventura. Un biglietto acquistato in fretta e furia, forse sulle ali dell’entusiasmo, di cui però il tabaccaio non ha potuto usufruire. 

E’ giallo sulla vicenda del gratta e vinci rubato, il tabaccaio: “E’ mio”

E’ mio, la vecchia mente”. Questa la dichiarazione rilasciata da Gaetano Scutellaro agli agenti della Polaria che lo hanno fermato mentre era intento a partire dall’aeroporto di Roma. Insomma l’uomo nega di aver fregato l’anziana signora che lo avrebbe subito denunciato anche se le telecamere di sorveglianza per il momento sembrano non avvalorare la tesi dell’uomo. Nello specifico, dalle immagini analizzate dagli agenti, si vede la signora che “passa” due gratta e vinci al tabaccaio dopo averli grattati. Il primo non vincente e il secondo invece non incassabile in una tabaccheria per la cifra troppo alta. A quel punto, le immagine riprendono il fidanzato della figlia di Scutellaro, colui che ha controllato i due tagliandi, passare il gratta e vinci vincente a Gaetano Scutellaro che indossa velocemente il casco e fugge a bordo del suo scooter facendo perdere le sue tracce per alcune ore.

Gratta e vinci rubato: si trova in una banca a Latina

La vicenda è insomma poco chiara. Quello che si sa è che l’uomo accusato di aver rubato il gratta e vinci vincente lo avrebbe subito depositato sul conto corrente di una banca a Latina dove si sarebbe fermato sulla strada per l’aeroporto di Fiumicino (dove è poi stato fermato dagli agenti). Tutto inutile però perché nel frattempo i Monopoli di Stato avevano bloccato quel tagliando su segnalazione delle Forze dell’Ordine. Insomma una vicenda che presenta molti lati oscuri sui quali gli agenti stanno indagando. Per il momento il gratta e vinci conteso resta bloccato. In attesa di capire a chi andrà: se all’anziana signora che dice di averlo grattato o al tabaccaio che ne rivendica la proprietà.

Foto Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.