Entra per errore nel cortile dei vicini: muore sbranata da due cani Amstaff

cane amstaff

E’ una storia drammatica quella che arriva da Sassuolo, che lascia davvero sgomenti. Le forze dell’ordine dovranno verificare ogni dettaglio ma la ricostruzione che arriva questa mattina, sembra essere quella definitiva. Una donna di 89 anni è morta sbranata da due cani di razza Amstaff . Secondo quanto si apprende la donna, in stato confusionale, è entrata per errore nel cortile di una villetta ( probabilmente non molto distante dalla sua casa). È successo ieri sera a Sassuolo (Modena). Lo riporta il Resto del Carlino.

Sul luogo della tragedia giunto anche il figlio dell’anziana, che stava cercando la madre allontanatasi da casa: “Non era mai uscita dall’abitazione, non so come sia potuto accadere”, le sue parole.

Carla è morta sbranata dai cani dei vicini: è entrata per errore nel loro cortile

La vittima, Carla Gorzanelli, ha perso la vita a pochi metri dalla propria abitazione da dove pare si fosse allontanata eludendo la sorveglianza della badante. Probabilmente la signora non stava bene e ha perso la lucidità. Poi purtroppo, il dramma. Sono intervenuti sul posto, la squadra mobile della Polizia, i carabinieri e la scientifica, oltre al 118 anche se l’anziana all’arrivo era già morta. Non c’è stato nulla da fare per la donna, che è stata letteralmente sbranata dai cani dei suoi vicini.

L’attacco è avvenuto davanti a una bimba, che era davanti al cancello della villa in attesa della madre. Secondo una prima ricostruzione, la stessa bimba avrebbe detto all’anziana “Cosa ci fai qui”. I due cani, si ipotizza, potrebbero aver assalito Carla Gorzanelli per istinto protettivo nei confronti della bambina. La piccola è rimasta chiaramente scioccata da quello che ha visto con i suoi occhi.

Nella villa di Sassuolo al lavoro anche la polizia scientifica e il medico legale. Nelle prossime ore saranno analizzati meglio tutti i video delle telecamere posizionate nei pressi dell’abitazione.

( immagine di repertorio fonte Pixabay)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.