Fukushima: riversate in mare tonnellate di acqua radioattiva


Continuano ad arrivare notizie sempre più scoraggianti da Fukushima, nelle ultime ore si è appreso che la Tepco (Tokyo Electric Power Co., la società che gestisce la disgraziata centrale) ha cominciato a riversare in mare tonnellate di acqua radioattiva per svuotare l’impianto. La Tepco ha assicurato che il travaso non comprometterà l’ecosistema marino e la sicurezza del pescato. Per risultare più convincente, un portavoce della società ha spiegato che, se si consuma pesce proveniente dal mare contaminato una volta al giorno per un anno, si assorbirebbero circa 0,6 millisievert di radioattività, quantità pari a un quarto delle normali radiazioni provenienti dall’ambiente umano nell’arco di un anno.

Inoltre, sempre a Fukushima, si tenterà di individuare altre falle nei reattori del sito nucleare sfruttando un colorante liquido. Nella giornata di domenica 3 aprile gli ingegneri avevano cercato di tappare l’unica crepa individuata, uno squarcio di 20 centimetri responsabile della fuoriuscita di acqua radioattiva nell’Oceano Pacifico. Le prime due prove effettuate, con calcestruzzo e con polimeri assorbenti, hanno dato esito negativo.
A peggiorare il quadro dell’emergenza, c’è la soluzione prospettata e subito intrapresa dalla Tepco, che ha intrapreso i versamenti in mare di 11.500 tonnellate di liquido radioattivo. In precedenza aveva riferito del progetto la piattaforma Jiji Press, che aveva citato fonti governative. L’operazione serve a liberare gli spazi di stoccaggio dell’impianto per utilizzarli per altre quantità di acqua che presentano maggiori livelli di radioattività. “Non abbiamo altra scelta che riversare l’acqua radioattiva nell’oceano come misura di sicurezza”, ha confermato il portavoce dell’esecutivo, Yukio Edano, durante una confernza stampa. Secondo un portavoce dell’utilty che gestisce l’impianto, comunque, si tratterrebbe di acqua solo lievemente radioattiva.
Tokyo Electric Power Co ha riferito domenica 3 aprile dei primi due casi accertati di persone morte all’interno dell’impianto. Si tratta di due giovani ingegneri, di 21 e 24 anni, che l’11 marzo scorso lavoravano a Fukushima e sono rimasti vittime dello tsunami mentre cercavano di far ripartire il sistema di raffreddamento dei reattori. I ragazzi sarebbero morti per per perdita di sangue dovuta a numerose ferite esterne. I loro corpi sono stati trovati solo mercoledì scorso e Tepco ha fatto sapere di aver ritardato l’annuncio di qualche giorno per rispetto nei confronti delle famiglie. Secondo quanto riferisce l’Agenzia nazionale di polizia il bilancio è salito a 12.020 morti e 15.512 dispersi.
Intanto, il portavoce dell’Agenzia giapponese per la sicurezza nucleare, Hidehiko Nishiyama, ha detto che potrebbero volerci diversi mesi per riportare sotto controllo la situazione della centrale di Fukushima.

 

Giusy Cerminara


Leggi altri articoli di Dal Mondo

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close