11 settembre 2011: commemorazione alle Torri Gemelle dieci anni dopo

11 settembre 2011-La cerimonia della commemorazione a New York ha davvero del surreale. Migliaia di persone si sono riunite oggi per ricordare, commosse, le vittime dell’11 settembre del 2001, quando due aerei di linea si abbatterono sulle Torri Gemelle. Alle 8.46 si è osservato un minuto di silenzio per le vittime della Torre nord del World Trade Center, nello stesso minuto in cui il primo aereo colpì la torre. Di seguito si è osservato un minuto di silenzio per le vittime della Torre sud e poi anche per quelle del Pentagono e del volo dirottato e precipitato in Pennsylvania.

Un doveroso ricordo a chi è caduto a causa della scelleratezza di attentati inumani che colpiscono civili innocenti. Al posto delle Twin Tower adesso sorge un monumento, due fontane sulle cui pareti si possono leggere i nomi delle vittime che giorno, erano all’interno delle torri, e dei soccorritori, poliziotti e vigili del fuoco, che sono rimasti incastrati dalla caduta delle stesse dopo pochi minuti. L’unico superstite della tragedia, rimasto sul luogo, è un pero, che nessuno ha voluto eliminare, a simbolo della rinascita di una popolazione che non si arrende e resta ben salda con le sue radici nella propria città.

Per rendere omaggio alle vittime, prima dei minuti di silenzio, alcuni familiari hanno scandito i nomi di tutte le vittime. Tra queste la mamma di una ragazza italiana di 23 anni, Laura Angilletta, morta quel tragico giorno, che ha letto il nome di alcune vittime, scandendo poi in italiano un saluto alla figlia. Proprio il momento dell’elenco dei nomi delle vittime è stato il più toccante di tutta la cerimonia e quello che ha commosso tutti i presenti e chi, ha seguito in diretta la celebrazione. Una diretta lunghissima seguita non solo negli Stati Uniti, ma in tutto il mondo.

Alla cerimonia anche i presidenti americani Barack Obama e George W. Bush, accompagnati entrambi dalle mogli, rigorosamente in nero. Insieme hanno stretto le mani ai familiari delle vittime. Poi il presidente Obama ha letto un passo delle Sacre Scritture.

Il più applaudito è stato però l’ex sindaco di New York Rudolf  Giuliani che è considerato l’uomo simbolo di quel giorno, adesso divenuto governatore dello stato.

Nessun discorso, come da programma, ma solo letture di poesie, brani e musica, in modo da tenere in primo piano la tragedia e fuori la politica da quella che è la più grande celebrazione per ricordare il primo decennale degli attentati.

Teresa Corrado

One response to “11 settembre 2011: commemorazione alle Torri Gemelle dieci anni dopo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.