Elezioni USA 2016 ultime notizie: negli ultimi sondaggi Clinton sorpassa Trump

Potrebbe essere una sfida all’ultimo voto, ma potrebbero esserci anche sorprese inverse, ovvero il trionfo di un candidato rispetto a un altro. Per le elezioni USA 2016 gli ultimi sondaggi parlano chiaro: Hillary Clinton ha sorpassato Donald Trump. Il merito va agli elettori ispanici, che nell’ultimo weekend hanno approfittato del voto anticipato ribaltando le prospettive che aveva fatto tremare la coalizione anti-Trump negli ultimi giorni.

Secondo un sondaggio elaborato da Politico/Morning Consult, la Clinton sarebbe avanti di 3 punti percentuali, con il 45% dei consensi, rispetto al miliardario newyorchese fermo al 42%. Più ampio il distacco segnalato da Abc/Washington Post, con la Clinton che condurrebbe con il 48% delle preferenze, staccando Trump di ben 5 punti percentuali. 

SIMPSON FOR PRESIDENT IN TV: COME SEGUIRE LA MARATONA

A causa della riapertura delle indagini sulle e-mail-gate da parte dell’FBI, la Clinton aveva visto assottigliarsi il suo vantaggio nei confronti del rivale, ostracizzato da gran parte della stampa americana e delle istituzioni nazionali e internazionali (non ultime le Nazioni Unite, che hanno definito “sconcertanti” le sue opinioni), ma la recente chiusura delle indagini ha di nuovo cambiato le carte in tavola, a poche ore dal voto. Nessuna incriminazione in vista per la Clinton, cosa che ha mandato su tutte le furie Donald Trump, il quale ha accusato l’ex first lady di essere protetta e di essere il presidente ideale per un sistema corrotto e falsato.

Per il tycoon si è dunque registrato un nuovo calo nelle ultime rilevazioni, che tuttavia, stando alle ultime analisi, potrebbe non tradursi in un distacco considerevole dal fronte democratico. In poche parole, non dovrebbe verificarsi una replica delle elezioni americane del 2012, quando Barack Obama sconfisse Mitt Romney superando il 50% dei consensi. Trump, intanto, continua a puntare sulla rabbia degli elettori americani: “Clinton è colpevole”, ha tuonato, invitando poi gli elettori americani a fare giustizia nelle urne l’8 novembre, giorno che invero potrebbe consacrare la prima Presidente donna degli Stati Uniti d’America.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.