Maddie ultime notizie: si cerca nel giardino di Christian Brueckner

 Il lavoro della polizia tedesca non si ferma. La convinzione sembra essere quella che Maddie sia stata uccisa e sia stata sepolta nel giardino della casa del pedofilo che l’ha sequestrata. Queste le ultime notizie dalla Germania, dove si cercano i cerchi della piccola Madeleine Mcann, nel giardino di Hannover di Christian Brueckner. L’uomo non parla, non collabora, ma per la polizia tedesca ci sono pochi dubbi: è stato lui a uccidere la piccola dopo averla rapita in Portogallo.

LE ULTIME NOTIZIE DALLA GERMANIA: SI CERCANO I RESTI DELLA PICCOLA MADDIE

Le ultime notizie da Hannover: la polizia è a lavoro con pale, vanghe, persino un’escavatrice. Sono stati mobilitati anche i reparti della scientifica e i cani per scavare in un giardino a Seelze, nella regione di Hannover. La procura di Braunschweig ha confermato che si tratta di una ricerca collegata alla sparizione della piccola Madeleine McCann, rapita nel 2007 dal residence dove era con i genitori a Praia da Luz, in Portogallo. La bambina aveva allora tre anni.

Non c’è una confessione, ma una convinzione, quella della polizia tedesca, che porta verso la città tedesca dove il 43enne Christian Brueckner, ha vissuto per un periodo . Ricordiamo che l’uomo, attualmente in carcere nel Nord della Germania per altri reati, è stato individuato tramite i registri telefonici vicino al luogo in cui Maddie scomparve.

TRE BAMBINE SCOMPARSE E UN SOLO SOSPETTO: BRUECKNER

E’ indagato anche per il caso di Joana, scomparsa a 8 anni, nel 2004, a 8 chilometri da Praia da Luz, ed è sospettato di aver rapito anche una bimba tedesca, Inga, nel 2015. A 17 anni Brueckner era stato condannato a due anni di prigione per abusi sessuali su una bimba e nel 2018 era stato arrestato in Italia con un mandato di cattura internazionale per lo stupro di una turista in Algarve, proprio dove sparì Maddie. L’uomo, non parla. Il lavoro della polizia tedesca si muove in diverse direzioni. Si cercano i resti di Maddie ma si cerca di dare un finale anche alle storie delle altre bambine scomparse nel nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.