Manovra Monti pensioni: ecco tutti i dettagli

E’ stata varata ieri la Manovra Finanziaria del Governo Monti che dovrebbe contribuire ad alleggerire l’insostenibile debito pubblico italiano. Tra le misure più attese ci sono quelle relative alle pensioni. La riforma sulle pensioni del resto è stata una delle richieste esplicite fatte dall’Unione Europea. In particolare, i tecnici di Brouxelles, hanno molto insistito sulla questione dell’innalzamento dell’età pensionabile, considerato che l’Italia era la pecora nera dell’Europa su questo nodo.  Quali saranno le novità sulle pensioni introdotte dalla Manovra del Governo Monti? Ecco tutti i dettagli.

La Manovra finanziaria del Governo Monti: la delicata questione pensioni
-Dal 2012 l’età minima per andare in pensione sarà di 66 anni per gli uomini e di 62 per le donne. Guardando invece al futuro si cresce ancora: dal 2018 anche le donne usciranno dal lavoro da 66 anni.

-Discorso diverso invece riguarda le pensioni di anzianità. Queste saranno possibili con 42 anni e 1 mese di contributi per gli uomini e 41 anni e 1 mese per le donne.

-Si potrà decidere di andare in pensione prima? Si.
Cosa si deve fare per andare in pensione prima? Si potrà fare una richiesta e pagare poi una penale.

-Abolita la “finestra mobile” e le quote di anzianità.

-Cresce l’età per poter continuare a lavorare: uomini e donne potranno lavorare fino a 70 anni con una fascia di uscita flessibile incentivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.