Pensioni: Istat, assegno aumentato di 283 euro ma pensionati più poveri


Pensioni: Istat, assegno aumentato di 283 euro ma pensionati più poveri

Buone e cattive notizie in attivo dal fronte pensioni. Infatti se da una parte il reddito medio per i 16,2 milioni di pensionati italiani, nel 2015, è aumentato di 283 euro, dall’altra i nuovi assegni sono mediamente più bassi di quelli relativi a pensioni cessate. I dati sono stati resi noti dall’ultimo studio ISTAT riguardo alla “Condizione di vita dei pensionati”. Dal 2017 entreranno in vigore i nuovi interventi, inseriti nella riforma delle pensioni e approvati nell’ambito della Legge di Bilancio ma l’ISTAT ha, intanto, monitorato i milioni di pensionati italiani. L’Istituto di Statistica ha rilevato che, nei nuclei familiari dove almeno una persona percepisce la pensione, il rischio di povertà si ferma al 16.5% rispetto al 22.5% della media nazionale. Se è vero che i pensionati, nel 2015, hanno percepito 283 euro in più, è anche vero che il reddito medio, relativo allo stesso anno, è arrivato a 17.323 euro e che rispetto agli assegni cessati, c’è una differenza, in negativo di 818 euro: 15.197 contro 16.015. In generale il reddito medio delle famiglie con pensionati è pari a 28.410 euro all’anno ed è inferiore di circa 2mila euro rispetto a quello delle famiglie senza pensionati. L’assegno pensionistico, secondo i dati ISTAT, è superiore per chi è laureato: in questo caso di parla di una pensione di 2.660 euro.

In Italia, tra il 2014 ed l 2015, sono aumentate le pensioni di invalidità civile e sociali con una netta differenza di numeri tra Nord e Sud. I dati rivelano che le pensioni di vecchiaia arrivano al 59% al Nord e al 40.3% al Sud; quelle di invalidità ordinaria si fermano al 3.8% al Nord ma raggiungono l’8.3% al Sud. Questo squilibrio tra Nord Italia e Sud Italia è ancora più marcato se si osservano i dati relativi alle pensioni di invalidità civile: 10.7% incidenza al Nord, 20.3% quella al Sud. Per quanto riguarda le pensioni del pubblico impiego, l’incidenza è del 13% al Nord contro il 21.1 al Sud.

Leggi altri articoli di Economia

Commenta l'articolo


  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.:03370960795 - iscrizione REA: 307423