Pensioni ultime notizie, arriva il riscatto della laurea flessibile: come funziona?


Pensioni ultime notizie, arriva il riscatto della laurea flessibile: come funziona?

Le ultime notizie in tema di pensioni ci fanno sapere che potrebbe entrare in vigore un nuovo modo per riscattare gli anni di studi per la laurea. Si tratta del riscatto della laurea flessibile, ma come funziona? Attualmente versare i contributi che vanno a colmare gli anni passati a studiare, può essere davvero costoso. Ora però potrebbero esserci dei cambiamenti. Il riscatto della laurea, con la nuova riforma delle pensioni, potrebbe diventare flessibile che comporterebbe una decisione, da parte del contribuente, di quanto versare. In base alla somma versata, che in questo modo non sarebbe più proibitiva, andrebbe a variare l’assegno pensionistico finale.

RISCATTO DELLA LAUREA FLESSIBILE, TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SULLE PENSIONI E LA RIFORMA DEL GOVERNO

Come vi abbiamo anticipato, con il nuovo riscatto della laurea flessibile le cose possono cambiare. Ad oggi riscattare gli anni di studio può essere molto oneroso. Secondo alcune indiscrezioni, sarebbe al vaglio un sistema più flessibile e accessibile a tutti. Invece di pagare tutta la somma dovuta, potrebbe diventare possibile versare una quota minore all’Inps. Si potrebbe così pagare di meno e recuperare comunque tutti gli anni dedicati agli studi. In questo caso cambierebbe l’assegno finale (meno si versa e meno si prende) ma tutti avrebbero l’opportunità di utilizzare questi anni nel calcolo finale.

Anche attualmente si ha la possibilità di riscattare la laurea e gli anni di studio solo parzialmente, ma non vale per tutta la durata per gli studi.

Si può infatti decidere di riscattare solamente qualche anno.

A parlarne è il Corriere. Questa ipotesi, qualora venisse attuata contestualmente alla riforma delle pensioni, potrebbe entrare in vigore già a partire dal 2019 insieme alla quota 100 e alle altre novità. Questa novità in materia di pensioni potrebbe riguardare solamente chi ha iniziato a versare contributi all’Inps dopo il mese di gennaio del 1996.

Insomma, questa è una delle tante novità che potrebbero entrare a far parte della riforma del sistema pensionistico. L’obiettivo è quello di agevolare le persone all’uscita dal lavoro senza penalizzarle ma dando a tutti l’opportunità di scegliere. Tra le altre novità ci sono poi le pensioni quota 100, che consentono di andare in pensione all’età di 62 anni con 38 anni di contributi. In questo caso però è possibile che ci sia un limite agli anni di contribuzione figurativa da poter utilizzare. Solamente con il Decreto Legge si potrà far luce, in maniera chiara e definitiva, sulla riforma delle pensioni. Dunque non ci resta che attendere ulteriori aggiornamenti.

Leggi altri articoli di Economia

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.:03370960795 - iscrizione REA: 307423

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

 

Close