Manovra, pensioni quota 100 e reddito di cittadinanza: ecco quando partono


Manovra, pensioni quota 100 e reddito di cittadinanza: ecco quando partono

Quando partiranno le pensioni quota 100 e il reddito di cittadinanza? Le problematiche con l’Unione Europea hanno creato dei problemi e si è parlato di diverse soluzioni per cercare di abbassare il deficit come richiesto da Bruxelles. Salvini e Di Maio sembrano però essere fermi e decisi sulle loro posizioni e hanno dichiarato più volte che le pensioni quota 100 e il reddito di cittadinanza non sono a rischio. Ma da quando sarà possibile andare in pensione anticipata e ottenere il reddito di cittadinanza? Ecco tutte le novità su queste due misure, cavalli di battaglia del Governo giallo-verde.

QUANDO PARTONO LE PENSIONI QUOTA 100 E IL REDDITO DI CITTADINANZA: TUTTE LE NOVITA’ SULLA MANOVRA FINANZIARIA

Il Ministro dell’Economia Giovanni Tria, insieme a Valdis Dombrovskis, vicepresidente della Commissione Europea, hanno espresso la “comune volontà di trovare al più presto una soluzione al contenzioso sulla manovra tra Roma e Bruxelles“. E’ avvenuto nel corso dell’incontro dell’Eurogruppo. Il dialogo si è incentrato sui negoziati riguardanti la Legge di Bilancio del 2019 dell’Italia.

Ciò che si sa è che la Legge di Bilancio 2019 arriverà in Aula alla Camera nella giornata di mercoledì 5 dicembre. Cosa ne sarà delle misure promesse dagli italiani? Quando partiranno le pensioni quota 100 e il reddito di cittadinanza? Secondo Affaritaliani.it le due misure non saranno attive almeno fino a marzo 2019.

Bisogna considerare però che gli emendamenti che riguardano i due provvedimenti arriveranno in seconda lettura al Senato.

Dunque possono arrivare con circa due mesi di ritardo facendo risparmiare circa 3 miliardi di euro.

Cosa ne pensano i vicepremier Salvini e Di Maio? I due leader dei partiti al Governo si sono detti disponibili a risparmiare questi tre miliardi se per Bruxelles questo bastasse a chiudere il contenzioso con l’Italia. Dunque potrebbero chiudere un occhio per evitare la procedura di infrazione mettendo questo denaro a riduzione del rapporto deficit/Pil per il 2019. Ma la mediazione potrebbe subire una brusca frenata se l’Unione Europea iniziasse a chiedere altri risparmi. In questo caso, i tre miliardi di euro verrebbero destinati agli investimenti.

Dunque bisogna capire se per l’Unione Europea il rapporto deficit/Pil al 2,2% sia accettabile oppure se chiederà ulteriori sforzi all’Italia. Di Maio e Salvini sembrano però essere abbastanza irremovibili sul periodo di marzo come data di inizio delle misure pensioni quota 100 e reddito di cittadinanza. Si tratta di giorni cruciali per capire quali saranno le decisioni da prendere e cosa succederà con le misure promesse agli italiani. L’Unione Europea si accontenterà?

Leggi altri articoli di Economia

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.:03370960795 - iscrizione REA: 307423

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

 

Close