Pensioni ultime notizie, arrivano nuove agevolazioni per le donne?


pensioni agevolazioni donne

Pensioni ultime notizie, arrivano nuove agevolazioni per le donne? A quanto pare le lavoratrici non sarebbero particolarmente favorite dalle pensioni quota 100, che agevolano invece gli uomini. Dunque, su 80mila domande pervenute, solamente 22mila sono state presentate dalle lavoratrici. Per loro c’è invece l’opzione donna, che consente di andare in pensione a 58 anni di età, se dipendenti, e 59, se autonome, con 35 anni di contributi versati. Il calcolo dell’assegno in questo caso è però penalizzante. Data la situazione attuale, in cui le donne sono decisamente svantaggiate rispetto agli uomini, il Governo inizia a pensare ad alcune agevolazioni per le donne per quanto riguarda le pensioni. Vediamo quindi cosa bolle in pentola.

PENSIONI ULTIME NOTIZIE, LE DONNE SONO SVANTAGGIATE DALLA RIFORMA DELLE PENSIONI: IL GOVERNO CORRE AI RIPARI CON NUOVE AGEVOLAZIONI?

Esistono diverse proposte di modifica del decreto contenente, tra le altre cose, la riforma delle pensioni. Una di queste proviene dalla Lega che parla di uno sconto contributivo pari a 4 mesi per ogni figlio fino a 12 mesi totali. In questo modo le madri lavoratrici possono accedere alla pensione anticipata e a quella di vecchiaia ottenendo questa riduzione negli anni di contribuzione necessari. Per le madri di figli disabili, invece, sono previste altre agevolazioni contributive. A presentare questa richiesta sono state Cgil, Cisl e Uil nel corso delle audizioni parlamentari. E’ infatti chiaro che la quota 100 siadel tutto insufficiente per le donne“. Dunque questa misura dovrebbe essere potenziata proprio prevedendo degli sconti contributivi, come accade già con l’APE sociale.

PENSIONI ULTIME NOTIZIE, OPZIONE DONNA NON E’ VANTAGGIOSA COME LA QUOTA 100

E l’opzione donna? Le lavoratrici, nonostante questa misura a loro dedicata, continuano ad essere svantaggiate. Infatti con questa misura si può andare in pensione prima rispetto alla quota 100, ma con un taglio dell’assegno. L’intera pensione viene infatti calcolata con il sistema contributivo. Di contro con l’opzione donna si può andare in pensione a 58 anni di età se dipendenti e a 59 se autonome. Il requisito contributivo è di 35 anni.

E’ chiaro che le lavoratrici si ritrovano con meno soldi in pensione e in molti casi hanno difficoltà ad accedere alla quota 100, come dimostrano i numeri delle domande pervenute in questo periodo. E’ necessario pensare a delle soluzioni alternative per le donne. Quest’ultime spesso hanno una carriera lavorativa discontinua per via della maternità, del fatto che non ci sia un sistema che favorisca l’incontro tra l’essere madre e lavoratrice. Molte donne dunque si ritrovano a dover lasciare il lavoro per un periodo più o meno lungo.

Leggi altri articoli di Economia

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.: 03370960795 - Iscrizione REA: 307423

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

 

Close