Pensioni ultime notizie, arrivano delle agevolazioni per le donne e le mamme

pensioni donne mamme

Pensioni ultime notizie, arrivano delle agevolazioni per le donne e le mamme? La Lega ha presentato una bozza del disegno di legge che è stata messa a punto dai parlamentari della Lega insieme a Claudio Durigon, sottosegretario al Ministero del Lavoro. In questa bozza sono previste delle importanti misure a sostegno dell’occupazione femminile. Si parla anche della proroga dell’opzione donna e ci sono delle novità sulla valorizzazione del lavoro di cura. Scopriamo quindi cosa bolle in pentola per quanto riguarda le pensioni e l’occupazione femminile.

PENSIONI ULTIME NOTIZIE, COSA CAMBIA PER LE DONNE E LE MAMME: LE PAROLE DI DURIGON

Uno dei primi obiettivi è quello di favorire la conciliazione tra vita lavorativa e familiare delle donne. Dunque, in via sperimentale, potrebbe essere introdotto un part-time che consenta alle lavoratrici di poter lavorare ma anche prendersi cura dei figli. Tale part-time potrebbe essere coperto da una contribuzione figurativa. Inoltre, i datori di di lavoro che decideranno di avvalersi di questo regime temporaneo sperimentale, non dovranno pagare i contributi assistenziali e previdenziali per il periodo di lavoro part-time concesso alle lavoratrici.

I provvedimenti in questione dipendono dall’arretratezza del mercato del lavoro italiano, dove le donne che risultano occupate sono meno del 50%. Con il Ddl si vuole anche inserire uno sgravio contributivo per un massimo di 3mila euro l’anno, valido per 3 anni, per i datori di lavoro che assumono delle donne nel triennio 2019-2020. Le aziende potranno usufruire di altri sgravi se decidono di allestire asili nido e spazi per il dopo scuola nelle loro sedi.

ARRIVA LA CONTRIBUZIONE FIGURATIVA PER DONNE E MAMME CON CARICHI DI CURA, PER RAGGIUNGERE PRIMA L’ETA’ PENSIONABILE

Cosa cambia per quanto riguarda le pensioni per le donne e le mamme? Dal prossimo anno il Governo ha l’obiettivo di introdurre dei contributi figurativi per i periodi di assenza dal posto di lavoro per carichi di cura, come assistenza ad un parente e soprattutto la maternità. In questo modo le lavoratrici possono raggiungere il montante contributivo per poter ottenere una pensione almeno dignitosa. Sul fronte pensioni per donne e mamme dovrebbe esserci anche la proroga dell’opzione donna.

A quanto pare potrebbero esserci dei cambiamenti importanti sia sul fronte del lavoro che su quello delle pensioni per le donne e le mamme. Le lavoratrici sono infatti spesso penalizzate sia nella ricerca di un lavoro, sia nel poterlo proseguire dopo la nascita di un figlio. Riconoscere questo limite e cercare di superarlo è sicuramente un enorme passo per favorire l’occupazione femminile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.