Reddito di cittadinanza ultime notizie, l’importo è più basso per famiglie con figli minori: ecco perché


reddito di cittadinanza importo famiglie minori

Reddito di cittadinanza ultime notizie, l’importo è più basso per le famiglie con figli minori: perché? Con il Decreto Legge n. 4 del 2019, è stato introdotto il reddito di cittadinanza come strumento di contrasto alla povertà. Nell’ultimo periodo è stato oggetto di approfondimento, e i risultati sono contenuti nel Rapporto annuale della Banca d’Italia. Questo sussidio introdotto quest’anno, è stato paragonato con il Reddito di inclusione (Rei), del quale ha preso il posto dal mese di aprile 2019, così come promesso dal Governo. Da questo confronto emerge che il Reddito di cittadinanza va in qualche modo a penalizzare i nuclei familiari in cui sono presenti figli minori rispetto alle famiglie composte da soli adulti.  Scopriamo a cosa è dovuto tutto questo.

REDDITO DI CITTADINANZA ULTIME NOTIZIE, PENALIZZA I NUCLEI FAMILIARI CON FIGLI MINORI: ECCO PERCHE’

Dall’analisi di Bankitalia emerge questa “criticità” relativa al reddito di cittadinanza rispetto al reddito di inclusione. Ciò dipende dalla scala di equivalenza che viene utilizzata per il novo sussidio, che calcola il beneficio sulla base del numero di componenti del nucleo familiare. Sono previste delle maggiorazioni inferiori per gli ulteriori componenti, soprattutto per quelli al di sotto dei 18 anni di età.

Per comprendere cosa accade con il reddito di cittadinanza, e perché le famiglie con minori sono penalizzate, bisogna chiarire nel dettaglio il metodo di calcolo in base alla scala di equivalenza. Questa assegna un coefficiente pari a 1,00 per il primo componente del nucleo familiare. Ogni altro componente maggiorenne ottiene un punteggio di 0,4 mentre i minori vengono considerati con una maggiorazione dello 0,2, fino a 2,1 che diventa 2,2 se è presente una persona disabile. Nella scala del reddito di inclusione, invece, per un componente prevedeva un coefficiente pari a 1,00, mentre per due componenti il coefficiente era di 1,57, arrivando a 2,04 per tre, a 2,46 per quattro, 2,85 per cinque, 3,20 da sei componenti in su. Sta di fatto però che, utilizzando questa scala di equivalenza anche per il reddito di cittadinanza, la spesa sarebbe stata superiore del 43%.

IL PRESIDENTE DELL’INPS PASQUALE TRIDICO PARLA DEL REDDITO DI CITTADINANZA: ECCO QUANTE SONO STATE LE REALI RINUNCE

E se in questi giorni si era parlato di un insuccesso del reddito di cittadinanza, il Presidente dell’Inps Pasquale Tridico ha spiegato che le rinunce sono state solo 12. Le domande pervenute fino al giorno 31 maggio 2019 sono state un milione e 270 mila. Quelle respinte sono il 25%. Ha poi spiegato perché al Sud Italia l’importo relativo al reddito di cittadinanza è in media di 531 euro. A quanto pare nelle regioni al Sud è stato meno richiesto il sostegno per affitto o mutuo, che è pari a 280 euro, in quanto in molti hanno la casa di proprietà.

Leggi altri articoli di Economia

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.: 03370960795 - Iscrizione REA: 307423

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

 

Close