Pensioni ultime notizie, il Ministro del Lavoro annuncia una riforma che elimina la Legge Fornero


pensioni legge fornero

Le pensioni continuano a essere al centro del dibattito politico e le ultime notizie sembrano essere buone. Il Ministro del Lavoro Nunzia Catalfo ha annunciato che si pensa a una riforma che possa eliminare la Legge Fornero. La riforma della Fornero, non è un mistero, non piace agli italiani ma neanche ai sindacati e a diverse forze politiche. Sebbene sia nata in un momento critico per l’Italia, dove era necessario toccare le pensioni per poter risollevare le sorti del Paese, il risultato è stato quello di eliminare la flessibilità in uscita per i lavoratori. In queste settimane i sindacati hanno lamentato l’assenza di una riforma delle pensioni per il 2020 ma le parole del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Nunzia Catalfo lascia davvero ben sperare. A quanto pare, priorità del Governo giallorosso, è quella di smantellare la Legge Fornero e inserire condizioni più flessibili per l’uscita. Ecco cosa ha detto.

Il Ministro del Lavoro parla delle pensioni e della possibilità di eliminare la Legge Fornero

A Roma, nel corso del Festival del Lavoro – Anteprima 2020, Nunzia Catalfo è intervenuta sul tema delle pensioni. Nonostante non siano state inserite modifiche al sistema previdenziale per il 2020, il Governo M5S-Pd sembra avere tutte le intenzioni di lavorare sulle pensioni. L’obiettivo è quello di superare le criticità legate alla Legge Fornero, aprendo prossimamente un importante tavolo di confronto tra il Governo e i sindacati.

Nello specifico, la Catalfo ha detto: “Vogliamo superare la Legge Fornero, ci saranno nuovi incontri a partire da gennaio 2020“. Tale affermazione riaccende le speranze circa il superamento della riforma varata nel 2001 dall’allora Ministro del Lavoro del Governo Monti.

Cos’è la Legge Fornero e perché è tanto criticata

Ma perché la Legge Fornero viene considerata così problematica? Nel 2001 l’Italia si è trovata a dover affrontare una grave crisi economica e il Governo tecnico di allora, guidato dal Premier Monti, ha dovuto mettere mano alle pensioni con una riforma che è stata da molti considerata un bagno di sangue. Tra i punti contenuti in essa ci sono:

  • aumento dell’età pensionabile
  • adeguamento all’aspettativa di vita dei requisiti per l’accesso alla pensione ogni due anni
  • passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo

Il risultato è stato quello che, per i lavoratori, l’accesso alla pensione è diventato una strada tutta in salita. Il Governo M5S-Lega, per il 2019, ha messo in atto delle misure che avevano proprio l’obiettivo di superare questa legge. Parliamo soprattutto della quota 100, che consente di andare in pensione a 62 anni con 38 ani di contributi, ma anche del blocco dell’adeguamento dei requisiti all’aspettativa di vita per diversi anni.

Leggi altri articoli di Economia

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close