Pensioni, quota 100 è ancora a rischio? E’ scontro tra Renzi e Durigon


pensioni quota 100 a rischio

Le pensioni quota 100 sono ancora a rischio? Nonostante per il momento la misura non sia stata toccata, continua a generare scontri e questa volta le opinioni contrastanti arrivano da Renzi e Durigon. Anche se si è detto di lasciare la misura così com’è fino alla fine della sperimentazione, prevista per il 31 dicembre 2021, Italia Viva proprio non digerisce questa misura ritenuta non equa e tra l’altro costosa. Ma Durigon la difende a spada tratta, dicendo che ha liberato posti di lavoro preziosi per i giovani. Scopriamo cosa hanno detto i due politici al riguardo per comprendere le loro opinioni.

Pensioni quota 100: per Renzi servono solo a comprare consensi

A criticare duramente la quota 100 è Matteo Renzi e non ha mai fatto mistero della volontà di abolirla definitivamente. Nei giorni passati il leader di Italia Viva è stato impegnato a Pistoia con il suo tour e qui ha proprio parlato di questa misura che consente di lasciare il lavoro a 62 anni con 38 anni di contributi versati. Dure sono state le sue parole, facendo chiaramente intendere che la quota 100 è stata un flop, una misura nata per accontentare 150 mila persone con una spesa di 20 miliardi di euro. Per Renzi serviva solo a comprare consensi, facendo capire di aver superato la Fornero, obiettivo chiaramente non raggiunto. Insomma, con quota 100 l’unico risultato raggiunto, a detta del leader di Italia Viva, è stato quello di indebitare l’Italia.

Le parole di Durigon su questa misura voluta dalla Lega: ha creato posti di lavoro

Come ormai è noto, l’introduzione della quota 100 serviva, a detta della Lega, non solo a creare maggiore flessibilità in uscita dando questa possibilità ai lavoratori. Infatti l’obiettivo era anche quello di mandare in pensione un po’ di lavoratori al fine di creare posti utili per i giovani. Proprio su questo punto batte Claudio Durigon, dicendo che i dati Istat confermano i dati relativi all’occupazione. E’ questa la risposta che viene data proprio a Renzi e a chi parla di abolire le pensioni quota 100.

Il destino della quota 100: cosa succederà?

Nonostante Renzi continui a chiedere a gran voce l’abolizione di una misura considerata per pochi e che indebita il Paese, la quota 100 rimane fino alla data finale stabilita. Il termine della sperimentazione è previsto per il 31 dicembre 2021. Dopodiché subentra il problema dello scalone di 5 anni per coloro che non raggiungono i requisiti entro quella data. Proprio su questo, sulla flessibilità in uscita e sul superamento della Legge Fornero sembrano concentrarsi gli obiettivi del Ministro del Lavoro Nunzia Catalfo. In questi giorni si è spesso parlato della quota 41 per tutti e della possibilità di una sua entrata in scena.

Leggi altri articoli di Economia

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

    © Ultime Notizie Flash

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.: 03370960795 - Iscrizione REA: 307423

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close